LE BANCHE DATI ONLINE - PowerPoint PPT Presentation

le banche dati online n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
LE BANCHE DATI ONLINE PowerPoint Presentation
Download Presentation
LE BANCHE DATI ONLINE

play fullscreen
1 / 85
LE BANCHE DATI ONLINE
342 Views
Download Presentation
Antony
Download Presentation

LE BANCHE DATI ONLINE

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. LE BANCHE DATI ONLINE Gaetano Grillo Biblioteca “Rosmini” dei Corsi di Laurea Professioni Sanitarie <gaetano.grillo@unito.it> Didattica Integrativa Canale A Torino, 7 ottobre 2008

  2. Il Programma di oggi • Breve introduzione • Medline (OVID) • Cinahl (OVID) • Embase (OVID)

  3. Le esigenze informative di partenza • Tenermi aggiornato su un argomento? • Tesi di laurea o altro lavoro scientifico? • Relazione per un esame? • Descrizione o gestione di casi clinici? • Relazione sulla propria attività o su quella del reparto? • altro… ?

  4. I tipi di documento: • libri monografici (trattati, manuali, raccolte di saggi) • periodici • linee guida • atti di congressi • immagini (fisse e in movimento) • documenti multimediali • altro...?

  5. I formati • possono essere: • Cartacei • elettronici con accesso locale (CD-ROM, Floppy disk, …) • elettronici con accesso remoto (CD-ROM in rete, siti Internet, fulltext online)

  6. Strumenti di ricerca • Database bibliografici • Cataloghi • Subject gateways • Motori di ricerca • Mailing list e rispettivi archivi • Forum di discussione • Siti di associazioni professionali

  7. Le fonti per la ricerca bibliografica online in ambito biomedico:<http://www.lib.unito.it/web/tutorial/fonti.html>

  8. I database: definizione La gestione dell’informazione è lo scopo principale di un database Esso è un insieme di descrizioni standard, strutturate e organizzate, accessibile all'utenza attraverso interfacce che ne permettano l'interrogazione e il recupero di dati

  9. Una tabella di database Sono visibili i campi (colonne) in verticale e i record (righe) in orizzontale

  10. Relazione tra tabelle Esempio di database relazionale, in cui le tabelle sono collegate tra loro

  11. Ricercare in un database bibliografico • Vanno distinti: • la struttura del database • il software di IR • (= information retrieval, recupero dell’informazione)

  12. Cosa sono i database bibliografici? Per ogni articolo viene prodotta una citazione bibliografica che comprende una serie di elementi (metadati). Questi riferimenti bibliografici sono relativi alla letteratura biomedica (prevalentemente periodici) Struttura del record o citazione bibliografica (che deriva dallo spoglio di articoli di riviste prese in considerazionedal database) campi In un database bibliografico i dati sono divisi in campi e record.

  13. MEDLINE: La NLM

  14. MEDLINE è la più importante banca dati bibliografica mondiale di argomento biomedico e contiene citazioni e abstract di più di 5000 riviste biomediche (in 37 lingue) pubblicate negli Stati Uniti e in altri 80 paesi Prodotto dalla National Library of Medicine in lingua inglese e contiene argomenti di medicina, infermieristica, odontoiatria, medicina veterinaria … Contiene oltre 16.000.000 di riferimenti bibliografici di articoli pubblicati su riviste dal 1950 a oggi Aggiornamento quotidiano E‘ gratuita tramite l‘interfaccia di Pubmed dal 1997

  15. Caratteristiche di MEDLINE 1 • Lingua d’interrogazione è l’inglese, anche per reperire riferimenti ad articoli pubblicati in lingue diverse (il titolo dell’articolo, in questi casi, è tradotto in inglese) • Presenza di abstract: tutti i riassunti presenti sono in inglese, indipendentemente dalla lingua in cui è scritto l’articolo • Frequenza di aggiornamento? Quotidiana; ogni giorno vengono aggiunti 2000 – 4000 nuovi record. Nel 2007, ne sono stati aggiunti 670.000.

  16. Caratteristiche di MEDLINE 2 • Tipo di documenti indicizzati: articoli di rivista (gli atti di congresso compaiono solo se pubblicati su riviste). • Copertura geografica: circa il 50% degli articoli appartiene a riviste pubblicate negli Stati Uniti, il restante 50% a riviste pubblicate in 80 altri Paesi • Copertura linguistica: il 78% degli articoli indicizzati in MEDLINE è scritto in lingua inglese, ma questa percentuale sale all’89% per gli articoli inseriti tra 2000 e 2003

  17. Caratteristiche di MEDLINE 3 • Quali tipi di studiosi trovano? • Tendenzialmente tutti quelli pubblicati sulle riviste: • lettere che esprimono opinioni • report di casi singoli o di più casi • studi qualitativi • sperimentazioni non controllate • studi di eziologia, studi prospettici • sperimentazioni precliniche e cliniche controllate: • studi caso-controllo, sperimentazioni randomizzate controllate, ecc. • Revisioni narrative e sistematiche • Linee guida

  18. Esistono diverse piattaforme per interrogare il database MEDLINE: Gratuite : Entrez PUBMED A pagamento: OVID In OVID e in PUBMED sono interrogabili anche altre banche dati. OVID è accessibile da tutti i PC aziendali e universitari Da casa: tramite il proxy(Nome utente e password sono gli stessi usati per l'accesso al servizo di posta elettronica dell'Ateneo)

  19. accesso alle banche dati dal sito della biblioteca „Rosmini“ accesso alle banche dati dal sito della facoltà di Medicina e chirurgia accesso alle banche dati da casa tramite proxy università

  20. Varie sezioni di Medline

  21. Ricerca di base Entro nel tesauro Come ritrovare un articolo, un autore… Avvio la ricerca Ricerco tra i vari campi del record Finestra di ricerca di base Vado in ricerca avanzata

  22. Struttura di una citazione: alcuni elementi autore (fino a 25 cognomi); titolo dell'articolo fonte bibliografica (titolo della rivista, volume, fascicolo, pagine, anno, mese) descrittori di soggetto (MeSH) Riassunto del documento

  23. Struttura di una citazione: alcuni elementi tipo di pubblicazione (ad es. lettera, editoriale, rassegna). lingua originale in cui l'articolo è stato pubblicato

  24. I descrittori di soggetto: I MeSH, ("Medical Subject Headings") MESH è l'acronimo di Medical Subject Headings, ovvero intestazioni di soggetto per la medicina e servono ad identificare i termini più appropriati per la ricerca. Ne esistono circa 24,767 (ott. 2007) e sono scelti da specialisti di ogni area della biomedicina.

  25. L’albero MeSH Si tratta di un tesauro … (Thesaurus = vocabolario controllato). I suoi descrittori fanno parte di una struttura gerarchica che permette di ricercare a vari livelli di specificità. Breve descrizionedel termine MeSH broader terms narrower terms Termine del MeSH (descrittore di soggetto) i termini sono disposti in una gerarchia “ad albero”, in cui i “broader terms” (termini più generali) contengono i “narrower terms”, termini più ristretti)

  26. I MeSH, ("Medical Subject Headings") Breve descrizione del MeSH che permette di valutare la scelta • Gli articoli sono indicizzati utilizzando questo tesauro equindi: • i termini sono in forma normalizzata (tutti i sinonimi sono ricondotti ad un unico termine accettato. Es: ulcer, pressure – bed sore – decubitus ulcer – sore pressure –sore, pressure … “Pressure ulcer”)

  27. i termini sono collegati con una rete di rinvii. • In particolare: • “vedi”: rinvio da voce non accettata a voce accettata: es.: • “ diseases, skin”  vedi Skin Diseases oppure • “Vedi anche”: per i termini, entrambi accettati, che hanno una relazione importante. es.: Skin Diseasesvedi anche Dermatologic Agents / Skin Manifestations

  28. Conoscere la struttura dei MeSH può essere molto utile per elaborare una ricerca efficace Le 16 categorie principali del MeSH : 1. Anatomy [A] 2. Organisms [B] 3. Diseases [C] 4. Chemicals and Drugs [D] 5. Analytical, Diagnostic and Therapeutic Techniques and Equipment [E] 6. Psychiatry and Psychology [F] 7. Biological Sciences [G] 8. Natural Sciences [H] 9. Anthropology, Education, Sociology and Social Phenomena [I] 10. Technology, Industry, Agriculture [J] 11. Humanities [K] 12. Information Science [L] 13. Named Group [M] 14. Health Care [N] 15. Publication Characteristics [V] 16. Geographicals [Z] MeSH relativo Categoria principale

  29. I MeSH : accorgimenti • I MeSH non sono disponibili su: • premedline • “record as supplied by publisher” • I MeSH non vengono creati per argomenti che ricorrono raramente • I MeSH non esistono ancora per i termini “nuovi” • N.B. In tutti questi casi usare la ricerca libera con operatori logici. • RIASSUMENDO: • Ogni articolo indicizzato riceve un certo numero di descrittori MeSH che definiscono il suo intero contenuto semantico. • Alcune voci di soggetto hanno una particolare rilevanza (indicate, nei record bibliografici, con l'asterisco (*)). Queste voci si ricercano specificando come qualificatore [MAJR] (Focus).

  30. PRIMA DI INIZIARE LA RICERCA FORMULARE IL QUESITO USANDO IL PICO Patient group(s) (paziente) Il quesito riguarda chi o che cosa (problema)? Intervention (intervento) Che cosa è stato fatto o succede ai pazienti? Comparison(s) (comparazione) Che cosa potrebbe essere fatto in alternativa? Outcome(s) (esito) Come influisce l’intervento sulla popolazione/pazienti?

  31. ricerca di base ricerca di base Inserisco una o più parole libere per la ricerca Storia e risultati della ricerca

  32. Posso utilizzare i risultati per trovare una citazione vicina al mio argomento di ricerca e poi andare in ricerca avanzata per cercare i termini (descrittori di soggetto) che trovo nel campo dei Mesh

  33. Oppure ….. inserisco sempre la stessa parola libera e il DB mi suggerirà un termine del tesauro dei Mesh Ricerca avanzata

  34. il DB suggerisce a quali termini MeSH si lega, e seleziono il termine che mi interessa Parola libera inserita

  35. L’albero MeSH

  36. I SUBHEADINGS Le "sotto-intestazioni" rappresentano un aspetto particolare del singolo descrittore MeSH a cui si applicano. Sono utili per rendere efficace una strategia di ricerca. Se cerchiamo, ad esempio, una sostanza farmacologica, potremmo essere interessati a circoscrivere i risultati della ricerca all'aspetto tossicologico, oppure agli effetti collaterali, al suo uso diagnostico o terapeutico, al suo assorbimento e metabolizzazione da parte dell'organismo, agli avvelenamenti, alla posologia, e via dicendo. Non tutti i subheadings sono applicabili a tutti i MESH

  37. Possiamo restringere i risultati della nostra ricerca utilizzando il bottone dei limiti

  38. i “Limits”: come limitare una ricerca Scelta limiti metodologici Scelta limiti veloce, es: solo Full Text • Normalmente conviene sempre partire da una ricerca più ampia e poi restringerla con l’aiuto dei limiti, ad es. : • per gruppi d’età (attenzione alle definizioni!) • per data di pubblicazione dell’articolo • per data d’inserimento del record nel database (Entrez date, per le novità)

  39. I limiti metodologici • Possono indicare il tipo di pubblicazione, ad es.: • Clinical Trial • Editorial • Randomized Controlled Trial • Servono a individuare il livello di evidenza presentato in uno studio

  40. Ottenuto il risultato della ricerca posso salvare le citazioni attraverso il “Results Manager”

  41. Posso salvare i records selezionati o tutti Posso scegliere quali campi del record salvare Includere la storia della ricerca e salvare tutte le citazioni bibliografiche in formato testo

  42. L’uso degli operatori boleani: AND, OR, NOT • Per una buona strategia di ricerca utilizzando i MeSH è necessario l’uso metodico degli operatori logici boleani. • La combinazione di AND, OR e NOT per associare più termini nella stessa ricerca, permette di risolvere il problema dei risultati con troppi record (è sbagliata l’idea che tanti articoli recuperati equivalgano ad una buona ricerca) Per comprendere l'"algebra" booleana (AND, OR e NOT) si tengano presenti le seguenti relazioni grafiche: L'AND"restringe" l'insieme ai risultati comuni ad un secondo insieme a AND b

  43. l'OR lo "allarga" sommandovi il secondo insieme a OR b il NOT elimina dal primo quanto appartiene anche al secondo a NOT b • In pratica: • l’AND equivale ad un'intersezione; • l'OR ad una sommatoria; • il NOT ad una sottrazione.

  44. CINAHL : che cosa contiene?

  45. CINAHL Il Cumulative Index to Nursing & Allied Health è un database comprendente riferimenti bibliografici da pubblicazioni appartenenti alle discipline infermieristiche e alle scienze alleate • Discipline collaterali: • Assistenza medica • Optometria • Pediatria • Pronto soccorso • Servizio sociale • nella cura della salute • Tecnica radiologica • Terapia occupazionale • Tecnica chirurgica • Le varie specialità dell’infermieristica: • Chirurgia • Chirurgia plastica • Fisioterapia e riabilitazione • Gastroenterologia • Ginecologia • Nutrizione e dietetica • Oncologia Ricorda: Ogni DB presente in OVID ha la stessa interfaccia di interrogazione

  46. CINAHL: : un po’ di storia E’ tra i più vecchi e completi repertori bibliografici delle scienze infermieristiche • Prodotto dall’American Nurses Association e dalla National League for nursing Nato nel 1961 (indicizzando 35 periodici) con il nome di CINL vede la sua veste definitiva nel 1977, integrato con la letteratura di discipline collaterali