Download
l assiuolo n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
L’assiuolo PowerPoint Presentation
Download Presentation
L’assiuolo

L’assiuolo

393 Vues Download Presentation
Télécharger la présentation

L’assiuolo

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. L’assiuolo Giovanni Pascoli, Myricae

  2. Dov’era la luna? ché il cielo notava in un’alba di perla, ed ergersi il mandorlo e il melo parevano a meglio vederla. Venivano soffi di lampi da un nero di nubi laggiù; veniva una voce dai campi: chiù...

  3. Divisione in sillabe Di/vi/sio/ne/in/sil/la/be

  4. 1 2 3 4 5 6 7 8 9

  5. 1 2 3 4 5 6 7 8 9

  6. Divisione in sillabe…. In più aggiungiamo gli accenti

  7. 1 2 3 4 5 6 7 8 9

  8. 1 2 3 4 5 6 7 8 9

  9. 1 2 3 4 5 6 7 8 9

  10. 1 2 3 4 5 6 7 8 9

  11. Do v’e ra la lu na? Chè il cie lo no ta va in un’ al ba di per la, ed er ger si il man dor lo e il me lo pa re va no a me glio ve der la Ve ni va no sof fi di lam pi da un ne ro di nu bi lag giù ve ni va u na vo ce dai cam pi chiù Le stel le lu ce va no ra re tra mez zo al la neb bia di lat te sen ti vo il cul la re del ma re, sen ti vo un fru fru tra le frat te; sen ti vo nel cuo re un sus sul to, co m’e co d’un gri do che fu. So na va lon ta no il sin gul to: chiù Su tut te le lu ci de vet te tre ma va un so spi ro di ven to; squas sa va no le ca val let te fi nis si mi si stri D’ar gen to (tin tin ni a in vi si bi li por te che for se non s’a pro no più?..); e c’e ra quel pian to di mor te… chiù

  12. L'assiuolo Dov’era la luna? ché il cielo notava in un’alba di perla, ed ergersi il mandorlo e il melo parevano a meglio vederla. Venivano soffi di lampi da un nero di nubi laggiù; veniva una voce dai campi: chiù... Le stelle lucevano rare tra mezzo alla nebbia di latte: sentivo il cullare del mare, sentivo un fru fru tra le fratte; sentivo nel cuore un sussulto, com’eco d’un grido che fu. Sonava lontano il singulto: chiù... Su tutte le lucide vette tremava un sospiro di vento: squassavano le cavallette finissimi sistri d’argento (tintinni a invisibili porte che forse non s’aprono più?...); e c’era quel pianto di morte... chiù...

  13. L’assiuolo Dov’era la luna? ché il cielo notava in un’alba di perla, ed ergersi il mandorlo e il melo parevano a meglio vederla. Venivano soffi di lampi da un nero di nubi laggiù; veniva una voce dai campi: chiù...

  14. Le stelle lucevano rare tra mezzo alla nebbia di latte: sentivo il cullare del mare, sentivo un fru fru tra le fratte; sentivo nel cuore un sussulto, com’eco d’un grido che fu. Sonava lontano il singulto: chiù...

  15. Su tutte le lucide vette tremava un sospiro di vento: squassavano le cavallette finissimi sistri d’argento (tintinni a invisibili porte che forse non s’aprono più?...); e c’era quel pianto di morte... chiù... Govanni Pascoli, Myricae

  16. L’assiuolo Giovanni Pascoli, Myricae