LA CORRENTE ELETTRICA - PowerPoint PPT Presentation

la corrente elettrica n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
LA CORRENTE ELETTRICA PowerPoint Presentation
Download Presentation
LA CORRENTE ELETTRICA

play fullscreen
1 / 52
LA CORRENTE ELETTRICA
304 Views
Download Presentation
viola
Download Presentation

LA CORRENTE ELETTRICA

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Roberto Capone

  2. A dq La corrente elettrica • La corrente elettrica è una grandezza scalare • Carica complessiva che attraversa la sezione A nel tempo t:

  3. Portatori di carica e verso della corrente • Neiconduttorisonopresenticariche di conduzionechepossonomuoversiliberamentenelmateriale • Le cariche di conduzionepossonoesserepositive, negative o di entrambiisegni (elettroni di conduzioneneimetalli, ionipositivi e negativinellesoluzioni, ecc.) • Il verso della corrente elettrica è quello in cui si muovono le cariche positive • Se i portatori di carica sono carichi positivamente, il verso della corrente coincide con quello in cui si muovono i portatori di carica • Se i portatori di carica sono carichi negativamente, il verso della corrente è opposto rispetto a quello del moto dei portatori di carica • Ai fini del calcolo della corrente, una carica +q che si muove dasinistra verso destra è equivalente a una carica –q che si muove da destra verso sinistra: in entrambi i casi si ha una corrente che scorre da sinistra verso destra

  4. Corrente elettrica nei conduttori • In un conduttore in equilibrio elettrostatico le cariche di conduzione si muovono in maniera disordinata per effetto dell’agitazione termica (gli elettroni di conduzione nei metalli hanno una velocità media dell’ordine di 106m/s) • Se si considera una qualsiasi sezione del conduttore, poiché i portatori di carica si muovono in modo casuale, il flusso netto di carica attraverso tale sezione è nullo • In condizioni di equilibrio elettrostatico un conduttore non è attraversato da corrente! • Per avere una corrente elettrica stazionaria è necessario che ci sia un flusso netto di carica attraverso una sezione di un conduttore • Tale flusso netto di carica può essere mantenuto applicando un campo elettrico all’interno del conduttore • I portatori di carica si muovono lungo le linee del campo elettrico, dando luogo ad una corrente

  5. Generatori • Per mantenere una corrente in un conduttore occorre utilizzare un generatore, che mantiene una d.d.p. costante tra i suoi morsetti • La d.d.p. ai capi dei morsetti produce un campo elettrico nella spira conduttrice, che causa il movimento delle cariche all’interno della spira, e quindi la corrente • L’energia necessaria per mantenere in moto i portatori di carica nel conduttore viene fornita dal generatore (in genere a spese della sua energia chimica)

  6. Resistenza • Applicando la stessa d.d.p. ai capi di diversi conduttori ne risultano correnti diverse • Si definisce la resistenza di un conduttore come rapporto tra la d.d.p. applicata ai suoi capi e la corrente che lo attraversa • A parità di d.d.p. applicata, la corrente che attraversa un conduttore è tanto maggiore quanto più piccola è la sua resistenza • La resistenza rappresenta quindi la tendenza del conduttore ad opporsi al flusso delle cariche che lo attraversano • La resistenza in generale varia con la d.d.p. applicata • Esiste una classe di conduttori (conduttori ohmici) per i quali la resistenza non dipende dalla d.d.p. applicata • in un conduttore ohmico la corrente che fluisce nel conduttore è proporzionale alla d.d.p. applicata (legge di Ohm)

  7. Legge di Ohm • La corrente elettrica (I) che scorre in un conduttore è direttamente proporzionale alla differenza di potenziale elettrico (E) applicata alle sue estremità A e B: • Questa relazione è la legge di Ohm. • La grandezza R, che è il rapporto fra la corrente ed il voltaggio, è chiamata resistenzadel conduttore. • L’inverso della resistenza è chiamato conduttanza (G): • In un grafico corrente/voltaggio la legge di Ohm è rappresentata da una retta passante per l’origine ed avente pendenza 1/R

  8. II legge di Ohm • La resistenza o resistore è un elemento circuitale costituito da un materiale che può essere attraversato da cariche elettriche. • Il suo valore R dipende dal materiale e dalle dimensioni. • La resistenza è legata alla resistività del materiale (ρ) dalla relazione: • ove A rappresenta la sezione trasversa e l la lunghezza del conduttore.

  9. Vari tipi di resistori

  10. i + R V - Potenza nei circuiti elettrici • Nel tempo dt una carica dq = i dt si sposta dal polo positivo a quello negativo del generatore • Lavoro compiuto dal generatore sulla carica dq: • Potenza dissipata: • La potenza è dissipata per effetto del passaggio delle cariche attraverso la resistenza sotto forma di calore (effetto Joule)

  11. Collegamento di resistenze Resistenze in serie Resistenze in parallelo

  12. i R1 R2 C A B Resistenze in serie • Il collegamento in serie si realizza concatenando le resistenze • Le resistenze collegate in serie sono attraversate dalla stessa corrente Legge di Ohm per R1: Legge di Ohm per R2: Resistenza equivalente: Per N resistenze in serie la resistenza equivalente è data da:

  13. i1 R1 i i A B i2 R2 Resistenze in parallelo • Il collegamento in parallelo si realizza collegando tutte le resistenze alla stessa d.d.p. Legge di Ohm per R1: Legge di Ohm per R2: Resistenza equivalente: Per N resistenze in parallelo:

  14. Unità di misura L’intensitàdi corrente è una grandezza fondamentale Nel SI la corrente si misura in Ampere (A) La resistenza è invece una grandezza derivata L’equazione dimensionale della resistenza è [R]=[ML2T-3I-2] Nel SI la resistenza si misura in ohm (Ω)

  15. rami nodi maglie Reti lineari Rete lineare = circuito composto da generatori e resistenze

  16. Leggi di Kirchoff • Prima legge o legge della corrente: la somma di tutte le correnti entranti in un qualsiasi punto di un circuito elettrico deve essere uguale a zero (non vi può essere accumulo di carica). • Seconda legge o legge del voltaggio: la somma di tutti i potenziali elettrici lungo un circuito chiuso deve essere uguale a zero.

  17. ANALISI CIRCUITALE: LEGGE DI KIRCHOFF PER LA CORRENTE Indipendentemente dai componenti collegati, la somma di tutte le correnti che entrano ed escono da un nodo è zero. 1. Corrente entrante nel nodo : +ve 2. Corrente che lascia il nodo : -ve Quindi in A, Quindi inB,

  18. ANALISI CIRCUITALE: LEGGE DI KIRCHOFF PER IL VOLTAGGIO Quindi nel circuito, + - dovuto alla (2) - + dovuto alla(1) dovuto alla(2) In un circuito chiuso, la somma di tutte le cadute di potenziale è zero. 1. La corrente viaggia dal potenziale più alto al più basso. 2. Una corrente positiva fluisce dal + al – all’interno di un generatore di voltaggio (batteria). dovuto alla(1)

  19. V = in I + R R 1 2 R = 2 V V = V IR out in + R R out 2 1 2 Divisore di tensione (voltage divider) La tensione di uscita sarà sempre inferiore o al massimo uguale (se R1=0) a quella di ingresso quindi:

  20. Circuiti elettrici “stazionari” Come facciamo a determinare le correnti che fluiscono negli elementi circuitali (resistenze) quando le combinazioni di tali elementi diventano più complesse (circuiti) ? Cioè non possiamo “ridurre” ad un’unico resistore equivalente le resistenze presenti nel circuito.

  21. Leggi di Kirchoff“I legge: dei nodi” “La somma delle correnti che entrano in nodo deve essere eguale alla somma delle correnti che escono dal nodo stesso." Questa legge deriva dal principio di conservazione della carica, valido in ogni nodo. Le correnti che entrano e escono dai nodi del circuito sono note come “correnti di ramo”. Ciascun ramo deve avere una distinta corrente, Iiassegnata ad esso

  22. e1 R1 e2 R2 I Muovendosi in senso orario sul circuito: -e2 +e1 -IR1 -IR2 =0 Leggi di Kirchhoff : “II legge: delle maglie” “La somma algebrica delle differenze di potenziale rilevate su un circuito chiuso in un giro completo è nulla." Questo è soltanto un altro modo per ribadire ciò che sapevamo: la differenza di potenziale è indipendente dal cammino!

  23. + - + - -e2 +e1 -IR1 -IR2 e1 R1 e2 R2 I =0 Regola pratica Muovendosi sul circuito: • Gli incrementi di potenziale sono positivi, le diminuzioni (“caduta”) sono negative. • Scegliamo una direzione ARBITRARIA per la corrente e (p. es.) percorriamo il circuito nella medesima direzione. • Se una batteria viene attraversata dal terminale negativo a quello positivo, il potenziale aumenta, e quindi la tensione della batteria entra nell’equazione con un segno +, • Se il percorso scelto è tale da attraversare la batteria da (+) a (-) V diminuisce ed entra nell’equazione con il segno -. • Attraversando un resistore (resistenza), nel verso della corrente, il potenziale diminuisce e quindi entra nell’equazione con un segno - .

  24. =0 Regola pratica + - + I - invertendo il senso della corrente, si ha sulla maglia +e2 -e1 -IR1 -IR2 • E’ impossibile scegliere un verso del cammino “sbagliato” (circuiti a più maglie). SE INVERTIAMO UN CAMMINO, SI DEVONO CAMBIARE TUTTI I SEGNI NELL’EQUAZIONE. Non vi è alcuna differenza nell’algebra ! • COMUNQUE, è possibile che nella soluzione una o più delle correnti risultino NEGATIVE. • Se questo accade, vuole semplicemente dire che la direzione del flusso di corrente è in realtà opposto a quello del cammino arbitrariamente scelto.

  25. R1 R4 e1 b f a I I d c e R2 R3 e2 Þ Þ Þ Þ Esempio Se e1 < e2 , I sarebbe negativa, cioè fluirebbe in senso orario, opposto al verso di percorrenza scelto Se invertiamo il verso scelto per I Se e2 < e1 , I sarebbe negativa, cioè fluirebbe in senso orario, opposto al verso di percorrenza scelto

  26. Amperometro e Voltmetro Amperometro:strumento usato per misurare correnti Deve essere connesso in serie. La resistenza interna di un amperometro deve essere la più piccola possibile. Voltmetro:uno strumento usato per misurare differenze di potenziale Deve essere connesso in parallelo. La resistenza interna di un voltmetro deve essere la più grande possibile.

  27. Amperometro e Voltmetro Amperometro:misura correnti connesso in serie: bisogna “interrompere” un ramo di circuito ed inserire lo strumento. In pratica l’Amperometro è essenzialmente una resistenza di “shunt” (di caduta) Rs molto bassa, inserita nel ramo del circuito, con un voltmetro ad elevata “impedenza” connesso ai suoi capi (dello “shunt”) che misura la corrente di “shunt” come I = V/Rs Voltmetro:misura differenze di potenziale La resistenza interna di un voltmetro deve essere resa la più grande possibile rispetto alle resistenze presenti nel circuito dove effettuare la misura. Se Rvoltmetro = 100 x Rj essa ridurrà il valore effettivo di Rj di circa 1% e perturberà il flusso delle correnti nella maglia e, potenzialmente, anche in altre.

  28. Esercizio 1

  29. Esercizio 2

  30. Esercizio 3

  31. Esercizio 4

  32. L’elettricità • L’elettricità risiede nell’atomo • Cos’è la corrente elettrica • Vantaggi e svantaggi • Conduttori e isolanti • Tre grandezze della corrente • Potenza ed energia

  33. L’elettricità risiede nell’atomo Struttura dell’atomo: al centro c’è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; lontano dal nucleo si trovano gli elettroni. In ogni atomo i protoni, dotati di carica elettrica positiva, attraggono gli elettroni, di carica negativa, con una forzaelettrica. L’elettricità è quindi la “colla” che tiene insieme l’atomo.

  34. Cos’è la corrente elettrica Cavo di rame scollegato: l’interno del metallo è formato dai nuclei degli atomi e dai loro elettroni. E’ disegnato però solo un elettrone libero che si sposta tra i nuclei rimanendo però nella stessa zona. Cavo di rame collegato al generatore: il filo di rame è collegato con una pila e una lampadina; l’elettrone si muove quindi a zig zag verso il morsetto positivo della pila, dal quale è attratto.

  35. Vantaggi e svantaggi • Vantaggi: • È un’energia comoda e facile da usare • È un’energia pulita • Si può trasportare con relativa facilità • Può essere trasformata facilmente in altre forme di energia • Svantaggi • La produzione di elettricità partendo da altre fonti energetiche comporta una notevole perdita di energia. • L’elettricità non può essere convenientemente accumulata • Il trasporto dell’elettricità comporta una notevole perdita energetica

  36. Conduttori e isolanti Conduttori: sono i materiali che si lasciano attraversare con facilità dalla corrente elettrica, come i metalli, le soluzioni elettrolitiche (per esempio acqua e sale) e i gas ionizzanti (come all’interno dei tubi al neon). Isolanti: sono la ceramica, il vetro, la gomma, le materie plastiche, il legno secco, l’olio e altre sostanze che impediscono il passaggio della corrente elettrica.

  37. Il circuito elementare Un circuito elementare è costituito da: Un generatore di corrente, Un apparecchio utilizzatore, I fili conduttori di collegamento, Un interruttore.

  38. Tre grandezze della corrente Intensità di corrente L’intensità di corrente unitaria corrisponde al passaggio di 6 miliardi di miliardi di elettroni al secondo attraverso una sezione del circuito; si misura in ampere (A). Tensione La tensione elettrica è il dislivello elettrico a cui vengono mantenuti gli elettroni e si misura in volt (V). Questo dislivello è creato dal generatore di corrente. Resistenza E’ la capacità di un conduttore di opporsi al passaggio di corrente; si misura in ohm (Ω) e dipende dal materiale, dalla sezione e dalla lunghezza del conduttore.

  39. Potenza ed energia Potenza (watt): si calcola moltiplicando l’intensità della corrente che attraversa il filamento per la tensione alla quale è sottoposta. Energia (wattora): l’energia consumata da un apparecchio è misurata dalla sua potenza moltiplicata per il tempo di funzionamento (ore).

  40. Generatori di corrente • Pila • Accumulatore • Alternatore

  41. Pila Pila normaleE’ formata da tre parti principali:- il contenitore cilindrico di zinco è il polo negativo (-);- l’elettrolita è la pasta nerastra con sali di ammoniaca che riempie il contenitore;- il bastoncino di carbone affondato nella pasta è il polo positivo (+).Pila alcalina: è una pila a lunga durata.Pile in serie: se si collegano in serie più pile da 1,5 volt, si ottengono tensioni multiple.

  42. Accumulatore L’accumulatore accumula energia elettrica sotto forma di energia chimica e la eroga a un utilizzatore. Questo processo di carica e di scarica può essere ripetuto molte volte.La prima figura mostra un accumulatore per automobile formato da sei celle. La seconda figura mostra una singola cella.

  43. Alternatore L’alternatore è una macchina rotante che, quando gira, genera corrente alternata.La dinamo delle biciclette è un piccolo generatore costituito da:- un rotore, magnete cilindrico con quattro poli Nord e quattro poli Sud;- uno statore, costituito da otto piastre di ferro a contatto con un rocchetto di filo di rame con moltissimi elettroni liberi;- una lampadina, collegata col filo di rame.

  44. Gli effetti della corrente elettrica • Effetto luminoso • Effetto termico • Effetto magnetico • Effetto meccanico • Effetto chimico • Effetto fisiologico

  45. Effetto luminoso : Lampade Lampada comune: dura circa 1000 ore di accensione, costa poco ma è poco efficiente, cioè consuma molto rispetto alla luce che emette. Lampada a fluorescenza: dura circa 8000 ore di accensione, è più costosa ma è molto efficiente, cioè consuma poco rispetto alla luce che emette.

  46. Effetto termico: Ferro da stiro Il ferro da stiro è costituito da:- il manico con attacco del filo elettrico e pulsanti per il vapore;- il serbatoio dell’acqua;- la piastra, dotata di fori per l’uscita del vapore.

  47. Effetto magnetico :Campanello elettrico Il campanello è formato da una parte meccanica (campana metallica e martelletto) e da un circuito elettrico con un elettromagnete. Funzionamento: premendo il pulsante l’elettromagnete si magnetizza, attira la lamina e il martelletto batte sul campanello; allo stesso tempo si interrompe il contatto con la vite, l’elettromagnete si smagnetizza e la lamina flessibile torna nella posizione di partenza.

  48. Effetto meccanico: Frullatore Il frullatore è formato da tre elementi:- il basamento che contiene il motore con la parte elettrica e l’albero motore;- il bicchiere dotato sul fondo di un utensile formato da sei fruste di metallo;- il motore formato da due pezzi: la parte fissa (statore) e la parte rotante (rotore).

  49. Pila: Effetto chimico Pila normaleE’ formata da tre parti principali:- il contenitore cilindrico di zinco è il polo negativo (-);- l’elettrolita è la pasta nerastra con sali di ammoniaca che riempie il contenitore;- il bastoncino di carbone affondato nella pasta è il polo positivo (+).Pila alcalina: è una pila a lunga durata.Pile in serie: se si collegano in serie più pile da 1,5 volt, si ottengono tensioni multiple.

  50. La scossa elettrica: Effetto fisiologico È l’azione che l’elettricità può compiere su un organismo vivente. Contatto diretto: la donna tocca un filo scoperto in tensione senza saperlo; se le suole sono di gomma non prende la scossa. Contatto indiretto: il ragazzo tocca la lavatrice che è in tensione per un cavo elettrico difettoso a sua insaputa.