Download
slide1 n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Il Trentino Turistico PowerPoint Presentation
Download Presentation
Il Trentino Turistico

Il Trentino Turistico

201 Vues Download Presentation
Télécharger la présentation

Il Trentino Turistico

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Incontro operatori Siena Il Trentino Turistico

  2. Sommario temi trattati Linee Guida per il Turismo trentino Il Trentino turistico. Il turismo estivo e invernale. Alcuni dati su domanda e offerta Lp 8/2002: riforma della promozione turistica e il marketing territoriale Lp 7/2002 sulla ricettività alberghiera ed extralberghiera. Caratteristiche del ricettivo e sistema di classifica

  3. Linee guida per il Turismo tentino Linee guida per la politica turistica provinciale 1. Cultura turistica Parole chiave: 2. Autenticità 3. Qualità 4. Integrazione 5. Sostenibilità

  4. Piano Urbanistico Provinciale Parole chiave: Territorio e sviluppo Sviluppo concertato e condiviso centrato sulla qualità e non sulla quantità Qualità del territorio e certificazione ambientale Riconoscibilità dell’offerta territoriale del Trentino Valorizzare la diversità paesistica Paesaggio come “bene” ed espressione di identità culturale Carta del paesaggio: identità e “invarianti” territoriali acqua, campagna, insediamenti, bosco, alpe

  5. Ambiente e paesaggio “Nel paesaggio è il segno dell’uomo, del suo agire, del suo rappresentare e rappresentarsi” (E. Turri) Il paesaggio è il patrimonio ereditato dal passato, “la traccia” di chi ha vissuto e operato (P. Ricoeur) Paesaggio e natura come evasione, il sogno , l’irrealtà? Il virtuale e l’artificiale intesi come più reali del reale?

  6. Sistemi di gestione ambientale e certificazioni di qualità • Emas (sistema comunitario di ecogestione e audit) • 31 Comuni o Comprensori capofila per un totale di 143 Comuni coinvolti (più della metà dei Comuni trentini) e una decina di Aziende Municipalizzate o altri Enti per: • la gestione degli scarichi idrici • la tutela del patrimonio idrico • il risparmio energetico • la gestione dei rifiuti • la qualità dell’aria • la mobilità e i trasporti

  7. Sistemi di gestione ambientale e certificazioni di qualità • Ecolabel (attenzione ad una corretta gestione ambientale e attenzione al consumatore) per: • limitare il consumo energetico • limitare il consumo idrico • limitare la produzione di rifiuti • favorire l'utilizzo di fonti rinnovabili e di sostanze che risultino meno pericolose per l'ambiente • promuovere comunicazione ed educazione ambientale

  8. Il Trentino turistico Il turismo nell’arco alpino (presenze alberghiere in milioni) Trentino: 6.207 Kmq 477.017 abitanti fonte: BAK Basel Economics

  9. Il Trentino turistico Quasi 4,5 milioni di arrivi (+24% dal ’95 al 2006) Oltre 29 milioni di presenze (+2,2% dal ’95 al 2006) ca. 40% negli alberghi (circa la metà alloggi privati e seconde case) Alberghi e imprese extralberghiere crescono di più di alloggi privati e seconde case 8% del Pil provinciale il settore ricettivo e ristorazione 18% tenuto conto di effetti diretti e indotti (ca. 8% inverno e 10% estate) Crescente miglioramento saldi valutari per consumi turistici

  10. Il Trentino turistico Pernottamenti in alcune regioni dell’Arco alpino

  11. Il Trentino turistico Pernottamenti in alcune regioni dell’Arco alpino in inverno

  12. Il Trentino turistico . Inverno (2006/07 rispetto al 2000/01) + 15% presenze +34% la spesa media procapite 1.162 milioni di € di fatturato. Spesa procapite giornaliera € 109,31 Voci più incidenti: 30% pernottamenti, 23% sport Estate (2006 rispetto 2000) +1,8% presenze + 54% la spesa media procapite 1.418 milioni di € di fatturato. Spesa procapite giornaliera € 78,64 Voci più incidenti: 39% pernottamenti, 14% ristoranti e bar

  13. Presenze invernali 2006/07

  14. Presenze estive 2006

  15. Il Trentino turistico 1.589 alberghi con ca. 95.000 posti letto 69 Campeggi, 189 agritur e 120 B&B, 151 affittacamere 261 C.A.V. e case per ferie, 139 rifugi Ma…42.579 seconde case e 113.000 posti letto in alloggi privati 237 impianti di risalita. 470 piste da discesa e oltre 1500 ettari di demanio sciabile per 437 km di piste 105 AdV 2.072 Maestri di sci abilitati, 208 guide alpine e aspiranti guide, 110 guide turistiche, 172 accompagnatori turistici, 63 assistenti turismo equestre

  16. Il Trentino turistico

  17. Il Trentino turistico

  18. Il Trentino turistico

  19. Il Trentino turistico Negli ultimi 15 anni miglioramento della qualità della ricettività alberghiera: il 55,4% sono 3 stelle; 6,4% 4 stelle – ma i 3 stelle garantiscono il 66% posti letto e e più del 70% del reddito alberghiero Il rapporto tra posti letto nelle categorie superiori a 3 - 4 stelle ed inferiori a 1 - 2 stelle, è passato dal 1990 ad oggi da 1,08 a 3,85

  20. Il Trentino turistico Alta fedeltà della domanda (dall’83% dei rifugi al 60% hotel benessere) Prevalente turismo individuale “fai da te”, con intermediato in crescita Rispetto all’arco alpino Intensità turistica medio alta (presenze turistiche su residenti) Densità ricettiva elevata (letti per kmq) Dimensione media alberghi medio alta (59,6 posti letto in media) Contenuta apertura internazionale (poco più di un terzo gli stranieri negli alberghi) Alta componente extralberghiera

  21. Lp 8/2002 Finalità Non solo informazione e accoglienza turistica, ma Informazione e accoglienza turistica Promozione Sviluppo prodotti turistici Commercializzazione (anche con canali distributivi telematici) e assistenza ai clienti Marchio territoriale unico Creazione Trentino Spa come società di marketing territoriale Privatizzazione aziende di promozione turistica d’ambito

  22. Lp 8/2002 Finalità marketing territoriale (= rafforzare la dimensione sistemica dell’offerta trentina) integrazione turismo con altre realtà socioeconomiche turismo settore trasversale a agroalimentare artigianato locale e industria leggera high tech aperta alle innovazioni istruzione e cultura

  23. Lp 8/2002 Finalità

  24. Lp 8/2002. Il marketing territoriale

  25. Lp 8/2002. Il marketing territoriale Trentino modello community e non corporate Importanza della collaborazione: tra imprese alberghiere tra imprese della destinazione tra destinazioni trentine (alleanze) con Regioni vicine

  26. Obiettivi Trentino Spa e marketing territoriale Comunicare l'identità di un Trentino aperto al mondo Creare reti e sistemi condivisi dal territorio e in grado di aumentare la visibilità delle sue offerte Stimolare la crescita di prodotti turistici capaci di rispondere alle esigenze delle nuove domande Realizzare eventi distintivi, coerenti con l'identità territoriale Valorizzare la trasversalità del turismo (interessa direttamente o indirettamente ogni settore economico) Assumere l'ambiente quale valore e simbolo

  27. La Ricettività turistica alberghiera • un’imprenditoria radicata nel territorio e in maggioranza “figli dell’albergo” • 9 casi su 10proprietaria dell’albergo e residente in provincia • é sufficientemente qualificata: 2 su 3 diplomati o qualificati • piccole imprese a carattere familiare con 9,4 addetti in media (7,1 dipendenti in media annua e 2,3 familiari) • I familiari garantiscono la funzionalità complessiva e suppliscono ad eventuali carenze dei dipendenti

  28. La Ricettività turistica alberghiera Redditività alberghi (ma anche ammortamenti e accantonamenti) superiori al dato medio nazionale per tutte le categorie considerate Alberghi con ristorante migliori risultati anche nei ricavi Prezzi medi mezza pensione in camera doppia 3 stelle Inverno (febbraio) max € 82 Rendena Campiglio ; min 48 Paganella Estate (luglio) max € 67 Rendena Campiglio; min 48 Valle di Sole Utilizzo lordo e netto in albergo 3 stelle 0,62 e 0,34

  29. La Ricettività turistica alberghiera Il personale è il fattore centrale di qualità Aspettative alte dei clienti e soddisfazione complessivamente positiva Soddisfazione più elevata dove opera personale specializzato e c’è maggiore rapporto diretto e familiare

  30. Lp 7/2002 riforma della ricettività alberghiera ed extra-alberghiera (con sistema di autoclassifica) riconoscimento dei marchi di prodotto al centro il consumatore turista Provincia nel ruolo di facilitatore dell’iniziativa privata e di processi di coesione il marchio di qualità dell’ospitalità trentina: “qualificare la qualità” ricercando in ogni settore di offerta la specificità nella qualità

  31. La classifica degli alberghi 3 stelle Parametri strutturali (es. postazione lavoro internet, tutte le camere con bagno privato TV e telefono, superficie minima camere mq 14, impianto condizionamento ristorante…) Parametri funzionali (es. ricevimento e portineria e servizio bar almeno 12 ore su 24, deposito bagagli, almeno 2 menù al servizio ristorante, pulizia della camere giornaliera, cambio biancheria bisettimanale) Parametri accessori (minimo 6 punti, es area benessere o piscina punti 3; spazi meeting punti e conoscenza lingua straniera punti 2…)

  32. Attenzione alla qualità Spazi (Strutture, arredi, attrezzature ….) Servizi (interni, esterni) Accoglienza e ospitalità (informazione, professionalità, attenzione al cliente/ospite, fidelizzazione, ….) Qualità ambientale (della struttura, della destinazione, del Trentino)

  33. Attenzione alla qualità Grazie per l’attenzione e un augurio di buon lavoro