Download
slide1 n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Direzione Attuazione Programmazione Sanitaria Servizio Farmaceutico Regione del Veneto PowerPoint Presentation
Download Presentation
Direzione Attuazione Programmazione Sanitaria Servizio Farmaceutico Regione del Veneto

Direzione Attuazione Programmazione Sanitaria Servizio Farmaceutico Regione del Veneto

125 Vues Download Presentation
Télécharger la présentation

Direzione Attuazione Programmazione Sanitaria Servizio Farmaceutico Regione del Veneto

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Legge 24 marzo 2012, n. 27 “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, recante disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività” Direzione Attuazione Programmazione Sanitaria Servizio Farmaceutico Regione del Veneto Venezia 30 marzo 2012

  2. Legge24 marzo 2012, n. 27 “ Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 24 gennaio 2012, n.1, recante disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività ” • pubblicata in GU n.71 del 24-03-2012 – Suppl. Ordinario n.53 • entrata in vigore il 25 marzo 2012 Art. 11 “Potenziamento del servizio di distribuzione farmaceutica, accesso alla titolarità delle farmacie, modifica alla disciplina della somministrazione dei farmaci e altre disposizioni in materia sanitaria”

  3. Individuazione nuove farmacie • l’art. 11, comma 1 introduce nuove disposizioni “ORDINARIE” • l’art. 11, comma 2 detta disposizioni “STRAORDINARIE”

  4. Novità introdotte dal comma 1 • Numero delle autorizzazioni • 1 farmacia ogni 3.300 abitanti – possibilità di apertura di una nuova farmacia qualora il numero di abitanti sia superiore al 50% di 3.300 • Schema progressione del numero di farmacie in rapporto all’aumento della popolazione: • fino a 3.300 abitanti: 1 farmacia facoltativa • da 3.300 a 6.599 abitanti: 1 farmacia obbligatoria • da 4.951 a 6.599 abitanti: 1 farmacia obbligatoria + 1 farmacia discrezionale • da 6.600 a 9.899 abitanti: 2 farmacie obbligatorie • da 8.251 a 9.899 abitanti: 2 farmacie obbligatorie + 1 farmacia discrezionale • da 9.900 a 13.199 abitanti: 3 farmacie obbligatorie • da 11.551 a 13.199 abitanti: 3 farmacie obbligatorie + 1 farmacia discrezionale • da 13.200 a 16.499 abitanti: 4 farmacie obbligatorie • da 14.851 a 16.499 abitanti: 4 farmacie obbligatorie + 1 farmacia discrezionale • ……………………………………………………………………………………………..

  5. Novità introdotte dal comma 1 b. Obbligo da parte dei comuni di avere un numero di farmacie tale da soddisfare il rapporto numerico sopra evidenziato -1 farmacia/3.300 abitanti- (fermo restando la discrezionalità in ordine alla previsione dell’ulteriore farmacia rispetto alla popolazione eccedente) • l’istituzione della prima sede farmaceutica matura obbligatoriamente con il raggiungimento del quorum di 3.300 abitanti (fermo restando la discrezionalità in ordine alla previsione dell’ulteriore farmacia rispetto alla popolazione eccedente) • l’istituzione della prima sede farmaceutica in presenza di un numero di abitanti inferiore a 3.300 abitanti è facoltativa c. “Pianta organica” non più intesa come perimetrazione del territorio attribuibile a ciascuna farmacia

  6. Novità introdotte dal comma 1 Introduzione del concetto di zona intesa come compartimenti/quartieri/ripartizioni del territorio equivalenti (capoluogo-frazioni-località)/ etc.. ove collocare la/e farmacia/e Rivalutazione del ruolo dei comuni; spetta infatti a quest’ultimi, sentiti Azienda ULSS e Ordine provinciale dei farmacisti, identificare le zone e rivedere entro il mese di dicembre di ogni anno pari, in base alla rilevazione della popolazione residente, il numero di farmacie spettanti

  7. Novità introdotte dal comma 2 I COMUNI entro e non oltre 30 giorni dall’entrata in vigore – 25 marzo 2012- della legge di conversione del decreto-legge ovvero entro il 23 aprile 2012: individuano e localizzano le nuove farmacie tenuto conto: della popolazione residente al 31 dicembre 2010 del numero complessivo delle farmacie esistenti (operanti e istituite ancorché non ancora aperte) indipendentemente dal criterio di legge con il quale furono istituite ordinario c.d. “demografico” o derogatorio c.d.“topografico”

  8. Novità introdotte dal comma 2 in base ai seguenti criteri: assicurare un’equa distribuzione sul territorio garantire l’accessibilità del servizio farmaceutico anche ai cittadini residenti in aree scarsamente abitate tenere presente che l’apertura della nuova farmacia deve rispettare la distanza minima di 200 metri dalle altre farmacie sentiti : Aziende ULSS Ordine provinciale dei Farmacisti

  9. Novità introdotte dal comma 2 b. inviano i dati alla Regione N.B alla mancata comunicazione dei predetti dati entro il termine di 30 gg. subentra la Regione in via sostitutiva con proprio atto sentiti Aziende ULSS e Ordini provinciali dei Farmacisti

  10. Novità introdotte dal comma 3 LA REGIONE • entro 60 giorni dall’invio dei dati comunali, bandisce un concorso straordinario per soli titoli per la copertura delle sedi farmaceutiche • entro 12 mesi dall’entrata in vigore della legge di conversione del decreto-legge provvede ad assicurare la conclusione del concorso straordinario e l’assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili I COMUNI • non possono esercitare il diritto di prelazione sulle sedi risultanti dalla ricognizione straordinaria

  11. Modalità di inoltro dati alla Regione Invio del provvedimento comunale tramite posta certifica – PEC – per l’acquisizione formale al protocollo regionale: protocollo.generale@pec.regione.veneto.it e in formato word al seguente indirizzo di posta elettronica: servizio.farmaceutico@regione.veneto.it

  12. Comuni che devono esprimersi:109 Distribuitiper ciascun Ordine Provinciale dei Farmacisti:

  13. Possibile percorso e scadenze COMUNE FORMULA UNA PROPOSTA FINALIZZATA ALL’ACQUISIZIONE DEI PARERI DELL’ULSS E DELL’ORDINE DEI FARMACISTI In base allo statuto di ogni Comune (le scadenze di seguito riportate sono meramente indicative ma ragionevolmente rispettose dei tempi necessari a ciascun soggetto interessato per esprimersi in merito) INVIARE ENTRO IL 10.04 ULSS DI PERTINENZA Deliberazione del Direttore Generale … alternative es nota della direzione ORDINE FARMACISTI PROVINCIALE Provvedimento del Consiglio direttivo … o alternative ANCI (in copia): Monitoraggio INVIARE ENTRO IL 16.04 COMUNE Provvedimento definitivo INVIARE ENTRO IL 23.04 Azienda ULSS per la successiva classificazione in urbana o rurale ANCI (in copia) monitoraggio REGIONE

  14. In questa fase straordinaria: • I comuni entro il 23 aprile 2012 trasmettono in Regione e all’ANCI Veneto il provvedimento definitivo di individuazione e localizzazione delle nuove farmacie da inserire a concorso • Le Aziende ULSS provvederanno a classificare le nuove farmacie in urbane o rurali (tale attività può richiedere la collaborazione dei comuni interessati) • i dati relativi alla classificazioni devono pervenire in Regione tramite PEC protocollo.generale@pec.regione.veneto.it o • fax 041 2793468 entro il 7 maggio 2012

  15. Alcuni esempi……… Comune con 43.500 abitanti e 10 farmacie già aperte 3 nuove farmacie Centro 25.000 abitanti - 7 farmacie già aperte 1 nuova farmacia Frazione A 8.300 abitanti – 2 farmacie già aperte Frazione B 3.100 abitanti – 1 farmacia già aperta 1 nuova farmacia 4.100 abitanti – nessuna farmacia aperta Frazione C 1 nuova farmacia Frazione D 3.000 abitanti – nessuna farmacia aperta

  16. Alcuni esempi……… Comune con 12.600 abitanti e 2 farmacie già aperte 2 nuove farmacie 1 nuova farmacia 3.000 abitanti – nessuna farmacia già aperta Frazione A 6.500 abitanti - 2 farmacie già aperte Centro 1 nuova farmacia 3.100 abitanti – nessuna farmacia già aperta Frazione B

  17. Possibili contenuti del provvedimento definitivo comunale • 1-Normativa di riferimento • 2-Dati • Popolazione Comune (dato ISTAT al 31.12.2010) • Numero farmacie totali presenti nel comune • Numero nuove farmacie • 3-Descrizione dei criteri adottati: • assicurare un’equa distribuzione sul territorio • garantire l’accessibilità del servizio farmaceutico anche ai cittadini residenti in aree scarsamente abitate • tenere presente che l’apertura della nuova farmacia deve rispettare la distanza minima di 200 metri dalle altre farmacie • 4-Localizzazione delle nuove farmacie • Eventuali farmacie già presenti • Numero abitanti presenti nella localizzazione • 6-Pareri • Sentito ULSS, esplicitare modalidà, es nota… • Sentito Ordine farmacisti, esplicitare modalità, es nota…. • Dare conto dei rispettivi pareri