Download
slide1 n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Fattori emotivo-motivazionali e apprendimento PowerPoint Presentation
Download Presentation
Fattori emotivo-motivazionali e apprendimento

Fattori emotivo-motivazionali e apprendimento

180 Vues Download Presentation
Télécharger la présentation

Fattori emotivo-motivazionali e apprendimento

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Università degli studi di MessinaSISSIS – Scuola Interuniversitaria Siciliana di Specializzazione per l’Insegnamento Secondarioprof.ssa Loredana Benedetto Fattori emotivo-motivazionali e apprendimento

  2. Apprendimenti scolastici Comportamenti e abilità sociali Introversione sociale Fattori familiari Prestazioni carenti in lettura e matematica Inadeguato livello di organizzazione del lavoro scolastico Difficoltà ad accettare l’autorità dell’adulto Incapacità a fronteggiare nuove situazioni Scarsa partecipazione alle attività di gruppo Difficoltà nell’esprimere i sentimenti Famiglia disgregata Mancanza di supporto da parte dei genitori Attribuzioni e atteggiamenti sfavorevoli rispetto all’istruzione Il profilo dell’alunno a rischio di fallimento scolastico (Rusch, 1994)

  3. ATTRIBUZIONI Insieme di credenze che una persona possiede riguardo le cause degli eventi

  4. Sono il risultato di valutazioni che l’individuo mette in attoper capire chi o che cosasia responsabile degli eventi che accadono

  5. Le dimensioni Interno o Esterno all’individuo “Locus of control” Previsione dell’esito degli eventi Stabilità/instabilità

  6. Come agiscono le credenze causali • Le attribuzioni relative al proprio comportamento in genere sono di tipo interno in caso di successo “Riesco perché sono bravo e mi sono impegnato” esterno in caso di fallimento “Sono sfortunato, il compito era difficile”

  7. Come agiscono le credenze causali • Le attribuzioni relative al comportamento altrui sono prevalentemente di tipo esterno per il successo “Ce l’ha fatta perché è stato fortunato” di tipo interno in caso di fallimento “Non si è impegnato, non è bravo”

  8. Errore sistematico di attribuzione o bias edonico

  9. Alcuni errori attributivi • Gli studenti in generale attribuiscono i risultati positivi a cause interne (impegno e abilità), quelli negativi a cause esterne. • Gli studenti con difficoltà di apprendimentoattribuiscono più facilmente il successo a fattori esterni, il fallimento a mancanza di capacità (impotenza appresa; cfr. Diener e Dweck, 1978).

  10. Attribuzioni e stereotipi di genere • Studenti maschi: negazione dell’insuccesso e stile attributivo esterno in caso di fallimento • Studentesse: attribuzione dell’insuccesso a cause interne/stabili, atteggiamenti interiorizzati e svalutazione di sé (Stipek, 1996) • Interazioni con ambiti di studio specifici (ad es., matematica; cfr. Lucangeli e Pedrabissi, 1997)

  11. Attribuzioni ed emozioni Quali gli effetti delle attribuzioni causali sull’elaborazione emozionale delle esperienze e sulla percezione del proprio valore personale?

  12. Processo di attribuzione Emozioni Pensieri “Ho preso insufficiente nel compito. Il voto è proprio basso” Risultato Frustrazione e agitazione Attribuzione causale (intelligenza) “Ho preso questo voto perché non sono abbastanza intelligente” Umiliazione e vergogna “C’è qualcosa che manca in me ed è permanente” Dimensioni Stabile Interna Bassa stima a rassegnazione

  13. Processo di attribuzione Emozioni Pensieri “Ho preso ottimo nel compito. E’ veramente Un voto molto alto” Risultato Gioia Attribuzione causale (impegno) “Ho preso questo voto Perché ho studiato sodo” Contentezza e rilassamento “Ho delle qualità positive: se mi impegno, potrò riuscire bene anche nel futuro ” Dimensioni Instabile Interno Autostima e ottimismo

  14. L’insegnante descrive la strategia e la sua efficacia in determinati contesti Lo studente utilizza la strategia risolve con successo il compito L’insegnante fa notare all’allievo che la riuscita va attribuita all’impegno. Sforzo intenzionale di applicare la strategia

  15. Bisogni educativi speciali Includono: • Ritardi evolutivi su base bio-medica (non solo ritardo mentale!) • Psicopatologie dello sviluppo (es. disturbo d’attenzione/iperattività, dislessia, ecc.) • Svantaggio socio-culturale con conseguenti difficoltà di apprendimento e/o partecipazione sociale • Problemi emozionali/relazionali che ostacolano le occasioni di apprendimento e/o partecipazione sociale