Download
slide1 n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Le imposte differite PowerPoint Presentation
Download Presentation
Le imposte differite

Le imposte differite

235 Vues Download Presentation
Télécharger la présentation

Le imposte differite

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Le imposte differite Dott. Gianluca Odetto

  2. Imposte differite PRESUPPOSTI PER LA RILEVAZIONE DIFFERENZA TRA RISULTATO ANTE IMPOSTE E REDDITO IMPONIBILE DIFFERENZA TRA VALORI CIVILI E FISCALI DI ATTIVITÀ E PASSIVITÀ DIFFERENZE TEMPORANEE TASSABILI PASSIVITÀ PER IMPOSTE DIFFERITE (REDDITO IMPONIBILE < UTILE ANTE IMPOSTE) DIFFERENZE TEMPORANEE DEDUCIBILI ATTIVITÀ PER IMPOSTE ANTICIPATE (REDDITO IMPONIBILE > UTILE ANTE IMPOSTE)

  3. Imposte differite CRITERI DI RILEVAZIONE CONTEGGIATE SULLA BASE DELLE ALIQUOTE IN VIGORE AL MOMENTO IN CUI LE DIFFERENZE TEMPORANEE SI RIVERSERANNO ATTIVITA’ PER IMPOSTE ANTICIPATE DA RILEVARE SOLO ED ESCLUSIVAMENTE IN PREVISIONE DI FUTURI REDDITI IMPONIBILI (SIA QUELLE DA DEDUCIBILITA’ DIFFERITA DI COSTI, SIA QUELLE CONNESSE ALLA PRESENZA DI PERDITE FISCALI) NON AMMESSA IN ALCUN MODO L’ATTUALIZZAZIONE DEGLI IMPORTI PER LE IMPOSTE ANTICIPATE CONNESSE ALLE PERDITE, ANALISI ANNO PER ANNO DELLE CONDIZIONI A FRONTE DELLE QUALI E’ AMMESSO IL MANTENIMENTO DEGLI IMPORTI ISCRITTI IN BILANCIO (O DELL’ISCRIZIONE EX NOVO, SE QUESTA NON ERA STATA EFFETTUATA)

  4. Imposte differite ESPOSIZIONE IN BILANCIO CONTO ECONOMICO: SOTTOVOCE DELLA VOCE 22 (ECCEZIONE: IMPOSTE DIFFERITE IMPUTATE DIRETTAMENTE A PATRIMONIO NETTO, IMPUTATE A RIDUZIONE DELLA RISERVA) ATTIVITA’ PER IMPOSTE ANTICIPATE: NELL’ATTIVO ALL’APPOSITA VOCE C.II.4-TER “IMPOSTE ANTICIPATE” PASSIVITA’ PER IMPOSTE DIFFERITE: NEL PASSIVO ALLA VOCE B.2 “FONDO PER IMPOSTE, ANCHE DIFFERITE” ESEMPIO: PLUSVALENZA DI 100 FRAZIONATA IN 5 ESERCIZI (RECTIUS, PERIODI DI IMPOSTA). DEBITO (IRES e IRAP): 20 x 31,4% = 6,28 IMPOSTE DIFFERITE: 80 x 31,4% = 25,12 IN QUESTO MODO, IL CONTO ECONOMICO DELL’ESERCIZIO VIENE INCISO, NELL’ESERCIZIO DI COMPETENZA, PER IMPOSTE PER 31,4, DELLE QUALI 25,12 A TITOLO DI IMPOSIZIONE DIFFERITA

  5. Operazioni straordinarie RIFLESSI CONTABILI DEL CONFERIMENTO IMPRESA CONFERENTE SCARICA DAL PROPRIO STATO PATRIMONIALEL’ATTIVO E IL PASSIVO AZIENDALE CONFERITO ISCRIVE NEL PROPRIO ATTIVO PATRIMONIALELA PARTECIPAZIONE RICEVUTA IN CAMBIO SOCIETÀ CONFERITARIA ISCRIVE NEL PROPRIO STATO PATRIMONIALEL’ATTIVO E IL PASSIVO AZIENDALE RICEVUTO RILEVA NEL PROPRIO PATRIMONIO NETTOLA CORRISPONDENTE PATRIMONIALIZZAZIONE

  6. Operazioni straordinarie RIFLESSI CONTABILI IN CAPO ALLA CONFERITARIA CONTROPARTITA CONTABILE DEL VALORE DI ISCRIZIONE DELL’AZIENDA ISCRIVIBILITÀ DELL’AVVIAMENTO CONTABILIZZAZIONE “A SALDI CHIUSI” O A “SALDI APERTI” RILEVAZIONE DELLA FISCALITÀ DIFFERITA

  7. Società conferitaria CONTABILIZZAZIONE A SALDI CHIUSI O APERTI CONFERIMENTOMODELLOCESSIONE CONTABILIZZAZIONE “A SALDI CHIUSI” ESEMPIOCONFERIMENTO CHE PORTA IL CONFERENTE A PERDERE IL CONTROLLO DELL’AZIENDA CONFERIMENTOMODELLO TRASFORMAZIONE CONTABILIZZAZIONE “A SALDI APERTI” ESEMPIOCONFERIMENTO IN NEWCO PARTECIPATA AL 100% DAL CONFERENTE

  8. Operazioni straordinarie RILEVAZIONE DELLE IMPOSTE DIFFERITE DAL PUNTO DI VISTA FISCALELA CONFERITARIA EREDITAI VALORI FISCALI RICONOSCIUTI IN CAPO AL CONFERENTE DAL PUNTO DI VISTA CONTABILELA CONFERITARIA PUÒ FAR EMERGERE MAGGIORI VALORI CONTABILIRISPETTO AI VALORI FISCALI EREDITATI NEL CASO IN CUI LA SOCIETÀ CONFERITARIA ISCRIVA L’AZIENDA RICEVUTAPER UN VALORE CONTABILE SUPERIORE AL VALORE FISCALE CHE HA “EREDITATO”SI GENERA UN DISALLINEAMENTO TEMPORANEOTRA VALORI CONTABILI E VALORI FISCALICHE POTREBBE COMPORTARE L’OBBLIGO DIRILEVARE LA FISCALITÀ DIFFERITA AD ESSO CORRELATA

  9. Operazioni straordinarie PRESUPPOSTI DI RILEVAZIONE DELLE IMPOSTE DIFFERITE MAGGIORI VALORIISCRITTI SUAVVIAMENTO NON SI RILEVALA FISCALITÀ DIFFERITA CORRELATA MAGGIORI VALORIISCRITTI SUSINGOLI BENI SI RILEVALA FISCALITÀ DIFFERITA CORRELATA DOCUMENTO INTERPRETATIVO OIC N. 3 (§ 4.3.2) LA RILEVAZIONE DELLE IMPOSTE DIFFERITE È DOVUTA ANCHE NEL CASO IN CUILA SOCIETÀ CONFERITARIA INTENDA AFFRANCARE I MAGGIORI VALORI CONTABILI APPLICANDO I REGIMI DI IMPOSIZIONE SOSTITUTIVA NON È DOVUTA INVECESE I MAGGIORI VALORI CONTABILI ISCRITTI DALLA CONFERITARIAPOSSONO BENEFICIARE DEL C.D. “BONUS AGGREGAZIONI”

  10. Operazioni straordinarie MODALITÀ DI RILEVAZIONE DELLE IMPOSTE DIFFERITE LA CONTROPARTITA CONTABILE DEL FONDO IMPOSTE DIFFERITE NON È LA VOCE 22 DEL CONTO ECONOMICO BENSÌ UNA PARI IMPLICITA RIDUZIONE DELL’EFFETTO DI PATRIMONIALIZZAZIONECHE IL CONFERIMENTO GENERA IN CAPO ALLA SOCIETÀ CONFERITARIA IN SEDE DI VALUTAZIONE DELL’AZIENDA IL PERITO DEVE DUNQUE TENERE CONTO ANCH’EGLI DELLE IMPOSTE LATENTI AI FINI DEL RILASCIO DELL’ATTESTAZIONE PREVISTA DAGLI ARTT. 2343 O 2465 C.C.

  11. Operazioni straordinarie ENTITÀ DELLE IMPOSTE DIFFERITE DA CONSIDERARE • ALIQUOTA ORDINARIA IRES 27,5% • ALIQUOTA ORDINARIA IRAP 3,9% IN PRESENZA DI RILEVANTI ORIZZONTI TEMPORALI DI RIASSORBIMENTOL’AMMONTARE DELLE IMPOSTE DIFFERITE DA CONSIDERAREPUÒ ESSERE OGGETTO DI ATTUALIZZAZIONI SE VI E’ LA RAGIONEVOLE ASPETTATIVA CHE LA SOCIETÀ CONFERITARIA SI AVVARRÀ DEI REGIMI DI IMPOSIZIONE SOSTITUTIVAOTTENENDO IL RICONOSCIMENTO FISCALE DEI MAGGIORI VALORIPUÒ ESSERE CORRETTO CONSIDERARE UN AMMONTARE DI IMPOSTE DIFFERITE ESATTAMENTE PARI AL FUTURO DEBITO PER IMPOSTA SOSTITUTIVA

  12. Operazioni straordinarie ESEMPIO NUMERICO – I PARTE DESCRIZIONE AZIENDA CONFERITA ELEMENTI PATRIMONIALICOMPRESI NELL’AZIENDA VALORI FISCALIIN CAPO AL CONFERENTE VALORI STIMATIPER IL CONFERIMENTO AVVIAMENTO --- 50.000 IMMOBILI 100.000 250.000 MACCHINARI 20.000 30.000 CREDITI 15.000 15.000 DEBITI 80.000 80.000 VALORE NETTO TOTALE 55.000 265.000 • ULTERIORI IPOTESI DI PARTENZA • L’ATTO DI CONFERIMENTO PREVEDE L’ALLOCAZIONE DELL’EFFETTO DI PATRIMONIALIZZAZIONE PER 200.000 A CAPITALE SOCIALE E PER IL RESIDUO A RISERVA DI PATRIMONIO NETTO • AI FINI DEL CALCOLO DELLA FISCALITÀ DIFFERITA SI ASSUME L’ALIQUOTA ORDINARIA IRES

  13. Società conferitaria ESEMPIO NUMERICO – II PARTE L’EFFETTO DI PATRIMONIALIZZAZIONE PER LA SOCIETÀ CONFERITARIA NON PUÒ ESSERE PARI A 265.000 EURO(VALORE STIMATO DELL’AZIENDA AL LORDO DELLA FISCALITÀ DIFFERITA) BENSÌ SOLTANTO PARI A (+) VALORE STIMATO AZIENDA 265.000 (–) FISCALITÀ DIFFERITA SU IMMOBILI (250.000 – 100.000) x 0,275 41.250 (–) FISCALITÀ DIFFERITA SU MACCHINARI (30.000 – 20.000) x 0,275 2.750 (=) PATRIMONIALIZZAZIONE CONFERITARIA 221.000

  14. Operazioni straordinarie ESEMPIO NUMERICO – III PARTE RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DA PARTE DELLA SOCIETÀ CONFERITARIA TIPO CONTO DESCRIZIONE DARE AVERE ATTIVO AVVIAMENTO 50.000 ATTIVO IMMOBILI 250.000 ATTIVO MACCHINARI 30.000 ATTIVO CREDITI 15.000 PASSIVO DEBITI 80.000 PASSIVO FONDO IMPOSTE DIFFERITE 44.000 PN CAPITALE SOCIALE 200.000 PN RISERVA DA CONFERIMENTO 21.000

  15. Operazioni straordinarie RIFLESSI CONTABILI IN CAPO ALL’IMPRESA CONFERENTE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO RILEVAZIONE DEL RISULTATO CONTABILE DEL CONFERIMENTO RILEVAZIONE TRA I CONTI D’ORDINE DELLE EVENTUALI GARANZIE RILEVAZIONE DELLA FISCALITÀ DIFFERITA

  16. Operazioni straordinarie RILEVAZIONE DEL “RISULTATO” DEL CONFERIMENTO CONFERIMENTOMODELLOCESSIONE TRA I COMPONENTI STRAORDINARI DI REDDITOVOCE E.20 DI CONTO ECONOMICO ESEMPIOCONFERIMENTO CHE PORTA IL CONFERENTE A PERDERE IL CONTROLLO DELL’AZIENDA CONFERIMENTOMODELLO TRASFORMAZIONE DIRETTAMENTE A RISERVA DI PATRIMONIO NETTOVOCE A.VIII DEL PATRIMONIO NETTO ESEMPIOCONFERIMENTO IN NEWCO PARTECIPATA AL 100% DAL CONFERENTE

  17. Operazioni straordinarie RILEVAZIONE DELLE IMPOSTE DIFFERITE PRESUPPOSTI DI ISCRIZIONE ENTITÀ DELL’ACCANTONAMENTO MODALITÀ DI RILEVAZIONE

  18. Impresa conferente PRESUPPOSTI DI ISCRIZIONE DELLE IMPOSTE DIFFERITE ISCRIZIONE DELLA PARTECIPAZIONE NELLA CONFERITARA RICEVUTA IN CAMBIO PER UN VALORE CONTABILE MAGGIORE DEL COSTO FISCALE DELL’AZIENDACONDIZIONE NECESSARIA MA NON SUFFICIENTE + EFFETTIVA PROBABILITÀ CHE INSORGA IL DEBITO LATENTE PER IMPOSTE DIFFERITADOCUMENTO OIC N. 25 (§ G) NEL CASO DI MAGGIORI VALORI CONTABILI ISCRITTI SU DI UNA PARTECIPAZIONELA VALUTAZIONE PROBABILISTICA DELL’INSORGENZA DEL PRESUPPOSTODI ISCRIZIONE DELLE IMPOSTE DIFFERITE AD ESSI CORRELATEDEVE ESSERE FATTA AVENDO ESCLUSIVO RIGUARDOALL’EVENTUALITÀ DEL REALIZZO DELLA PARTECIPAZIONE NEI FUTURI ESERCIZI OGNI ALTRO ACCADIMENTO APPARE INVECE DEL TUTTO IRRILEVANTEIVI COMPRESA L’IPOTESI DI SVALUTAZIONI OPERATE IN BILANCIO

  19. Operazioni straordinarie ENTITÀ DELLE IMPOSTE DIFFERITE DA STANZIARE LE IMPOSTE DIFFERITE VANNO STANZIATE SOLO SUL 5% DEL DISALLINEAMENTO COMPLESSIVOSE LA PARTECIPAZIONE PRESENTA I “REQUISITI PEX”E L’IMPRESA CONFERENTE È UNA SOCIETÀ DI CAPITALI SUL 49,72%, DEL DISALLINEAMENTO COMPLESSIVOSE LA PARTECIPAZIONE PRESENTA I “REQUISITI PEX”E L’IMPRESA CONFERENTE È UNA DITTA INDIVIDUALE O UNA SOCIETÀ DI PERSONE SUL 100% DEL DISALLINEAMENTOSE LA PARTECIPAZIONE NON PRESENTA I “REQUISITI PEX”

  20. Operazioni straordinarie MODALITÀ DI ISCRIZIONE DELLE IMPOSTE DIFFERITE CONFERIMENTOMODELLOCESSIONE L’ACCANTONAMENTO A FONDO IMPOSTE DIFFERITEÈ ALIMENTATO MEDIANTEIMPUTAZIONE ALLA VOCE 22 “IMPOSTE”DEL CONTO ECONOMICO ESEMPIOCONFERIMENTO CHE PORTA IL CONFERENTE A PERDERE IL CONTROLLO DELL’AZIENDA CONFERIMENTOMODELLO TRASFORMAZIONE L’ACCANTONAMENTO A FONDO IMPOSTE DIFFERITEÈ ALIMENTATO MEDIANTEUNA PARI RIDUZIONE DELLA RISERVACHE SI FORMA NEL PATRIMONIO NETTO ESEMPIOCONFERIMENTO IN NEWCO PARTECIPATA AL 100% DAL CONFERENTE

  21. Operazioni straordinarie ESEMPIO NUMERICO VALORI CONTABILI E FISCALI IN CAPO AL CONFERENTE ELEMENTI PATRIMONIALI VALORI TOTALI DI CUI CONFERITI VALORE DI CONFERIMENTO IMM. MATERIALI 300.000 200.000 320.000 (F.DO AMM.TO) (70.000) (70.000) (70.000) IMM.IMMATERIALI 50.000 30.000 30.000 IMM. FINANZIARIE 100.000 0 0 MAGAZZINO 60.000 60.000 60.000 CREDITI 150.000 100.000 100.000 (F.DO SVALUTAZIONE) (5.000) (3.000) (3.000) RATEI E RISCONTI ATTIVI 10.000 1.000 1.000 FONDI RISCHI E ONERI 20.000 3.000 3.000 FONDO TFR 90.000 80.000 80.000 DEBITI 70.000 25.000 25.000 RATEI E RISCONTI PASSIVI 10.000 2.000 2.000 VALORE NETTO TOTALE 405.000 208.000 328.000

  22. Operazioni straordinarie CONFERIMENTO MODELLO CESSIONE TIPO CONTO DESCRIZIONE DARE AVERE ATTIVO IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 320.000 (ATTIVO) (F.DO AMM.TO IMM. MATERIALI) (70.000) ATTIVO IMMOBILIZZAZIONI IMMARERIALI 30.000 ATTIVO MAGAZZINO 60.000 ATTIVO CREDITI 100.000 (ATTIVO) (F.DO SVALUTAZIONE CREDITI) (3.000) ATTIVO RATEI E RISCONTI ATTIVI 1.000 PASSIVO FONDI PER RISCHI E ONERI 3.000 PASSIVO FONDO TFR 80.000 PASSIVO DEBITI 25.000 PASSIVO RATEI E RISCONTI PASSIVI 2.000 ATTIVO PARTECIPAZIONE IN CONFERITARIA 328.000 RICAVI PLUSVALENZA DA CONFERIMENTO 120.000 COSTI IMPOSTE DIFFERITE 1.650 PASSIVO FONDO IMPOSTE DIFFERITE 1.650

  23. Operazioni straordinarie CONFERIMENTO MODELLO TRASFORMAZIONE TIPO CONTO DESCRIZIONE DARE AVERE ATTIVO IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 320.000 (ATTIVO) (F.DO AMM.TO IMM. MATERIALI) (70.000) ATTIVO IMMOBILIZZAZIONI IMMARERIALI 30.000 ATTIVO MAGAZZINO 60.000 ATTIVO CREDITI 100.000 (ATTIVO) (F.DO SVALUTAZIONE CREDITI) (3.000) ATTIVO RATEI E RISCONTI ATTIVI 1.000 PASSIVO FONDI PER RISCHI E ONERI 3.000 PASSIVO FONDO TFR 80.000 PASSIVO DEBITI 25.000 PASSIVO RATEI E RISCONTI PASSIVI 2.000 ATTIVO PARTECIPAZIONE IN CONFERITARIA 328.000 PN RISERVA DA CONFERIMENTO 118.350 PASSIVO FONDO IMPOSTE DIFFERITE 1.650

  24. Operazioni straordinarie MODALITÀ DI RILEVAZIONE DELLE IMPOSTE DIFFERITE PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI LE IMPOSTE DIFFERITEVANNO CAPITALIZZATE NELL’AVVIAMENTO IAS N. 12 (§ 66) PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI LA MODALITÀ DI RILEVAZIONE CONTABILEVARIA A SECONDA DEL FATTO CHE SI TRATTI DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE OPPURE FUSIONE PROPRIA

  25. Imposte differite PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI FUSIONI PER INCORPORAZIONE INCREMENTONEL LIMITE MASSIMO DEL LORO VALORE ECONOMICODEI SINGOLI ELEMENTICUI LE IMPOSTE DIFFERITE SONO CORRELATE PER L’EVENTUALE ECCEDENZAIMPUTAZIONE A INCREMENTO DELL’AVVIAMENTO FUSIONI PROPRIE IMPLICITA RIDUZIONEDEL “PATRIMONIO NETTO DI COSTITUZIONE”DELLA SOCIETÀ RISULTANTE

  26. Operazioni straordinarie FUSIONE PER INCORPORAZIONE L’ INCREMENTO DEI VALORI DELL’ATTIVOCUI LE IMPOSTE DIFFERITE SONO CORRELATE NECESSARIO PER “PAREGGIARE” L’ISCRIZIONE DELLE IMPOSTE DIFFERITE MEDESIME DEVE COMUNQUE AVERE LUOGO NEL RISPETTO DEL LIMITE MASSIMO DI ISCRIVIBILITÀ DEI VALORI DELL’ATTIVO MEDESIMI TALE LIMITE MASSIMOÈ RAPPRESENTATO DAL VALORE ECONOMICOATTRIBUIBILE A CIASCUN ELEMENTO PATRIMONIALE

  27. Operazioni straordinarie ESEMPIO NUMERICO % PARTECIPAZIONE 100% COSTO PARTECIPAZIONE NEL BILANCIO INCORPORANTE 14.000 PATRIMONIO NETTO INCORPORATA 10.500 DISAVANZO DI FUSIONE 3.500 ALIQUOTA D’IMPOSTA UTILIZZATA 31,4% X : 3.500 = 100 : 68,6 - X = 5.102 IMPOSTE DIFFERITE = 1.602 (= 5.102 – 3.500) SE DUNQUE L’INTERO DISAVANZO DI FUSIONE VENISSE IMPUTATO PER INTERO AD INCREMENTO DEL VALOREDEGLI ELEMENTI PATRIMONIALI DELL’INCORPORATAQUESTI ULTIMI DOVREBBERO ESSERE INCREMENTATI DI 5.102 PER “PAREGGIARE” ANCHE L’ISCRIZIONE DELLE IMPOSTE DIFFERITE CORRELATE

  28. Operazioni straordinarie POSSIBILI SCENARI 1) VALORE EFFETTIVO DISAVANZO DI FUSIONE ELEMENTI PATRIMONIALI  + ATTIVI DA INCORPORATA IMPOSTE DIFFERITE 2) VALORE EFFETTIVO DISAVANZO DI FUSIONE ELEMENTI PATRIMONIALI + ATTIVI DA INCORPORATA IMPOSTE DIFFERITE

  29. Operazioni straordinarie VALORI EFFETTIVI “CAPIENTI” • ATTIVO DELLA SOCIETÀ INCORPORATA: • BREVETTI: CONTABILE 2.000 EFFETTIVO 5.000 • FABBRICATI: CONTABILE 18.500 EFFETTIVO 35.000 • IL MAGGIOR VALORE DI 19.500È PERTANTO IN GRADO DI ASSORBIRE TOTALMENTE DISAVANZO E IMPOSTE DIFFERITE (PARI A 5.102) • LA RILEVAZIONE CONTABILE È LA SEGUENTE: DIVERSI a DIVERSI 5.102 Brevetti 3.000 Fabbricati 2.102 a Disavanzo di fusione 3.500 a Fondo imposte differite 1.602

  30. Operazioni straordinarie VALORI EFFETTIVI “NON CAPIENTI” • ATTIVO DELLA SOCIETÀ INCORPORATA: • BREVETTI: CONTABILE 2.000 EFFETTIVO 3.000 • FABBRICATI: CONTABILE 18.500 EFFETTIVO 21.500 • IL MAGGIOR VALORE DI 4.000NON È IN GRADO DI ASSORBIRE TOTALMENTE DISAVANZO E IMPOSTE DIFFERITE (PARI A 5.102) • PERTANTO • SOLO UNA PARTE DEL DISAVANZO DI FUSIONEÈ ISCRIVIBILE AD INCREMENTODEGLI ELEMENTI PATRIMONIALI ATTIVI DELLA INCORPORATA

  31. Operazioni straordinarie VALORI EFFETTIVI “NON CAPIENTI” DISAVANZO DI FUSIONE, PARI A 3.500: PARTE ISCRIVIBILE AD AUMENTO PARTE ISCRIVIBILE AD ELEMENTI PATRIMONIALI ATTIVI AVVIAMENTO INCORPORATA 2.744 756 4.000 – (4.000 X 31,40%) 3.500 – 2.744 IMPOSTE DIFFERITE 1.256 4.000 – 2.744

  32. Esempio numerico VALORI EFFETTIVI “NON CAPIENTI” LA RILEVAZIONE CONTABILE DI ATTRIBUZIONE DEL DISAVANZO DI FUSIONE È LA SEGUENTE: DIVERSI a DIVERSI 4.756 Brevetti 1.000 Fabbricati 3.000 Avviamento 756 a Disavanzo di fusione 3.500 a Fondo imposte differite 1.256

  33. Imposte differite BONUS AGGREGAZIONI I MAGGIORI VALORI CONTABILI SUI QUALI TROVA APPLICAZIONE IL BONUS AGGREGAZIONE SONO RICONOSCIUTI SUL PIANO FISCALE AB ORIGINE LA FISCALITÀ DIFFERITA DEVE DUNQUE ESSERE RILEVATA SOLO CON RIGUARDO AI MAGGIORI VALORI CONTABILI CHE NON POSSONO BENEFICIARE DELLA NORMA AGEVOLATIVA PERCHÉ ESCLUSI DAL RELATIVO AMBITO OGGETTIVO DI APPLICAZIONE OPPURE PERCHÉ ECCEDENTI LA SOGLIA MASSIMA DI 5 MILIONI DI EURO

  34. Imposte differite REGIMI DI IMPOSIZIONE SOSTITUTIVA SE IL RICONOSCIMENTO FISCALE DEI MAGGIORI VALORI CONTABILISI OTTIENE MEDIANTE OPZIONE PER UNO DEI REGIMI DI IMPOSIZIONE SOSTITUTIVA LE IMPOSTE DIFFERITE CORRELATE AI MAGGIORI VALORI CONTABILI ISCRITTIDEVONO ESSERE COMUNQUE STANZIATE DALLA SOCIETÀ AVENTE CAUSAIN SEDE DI RIELVAZIONE CONTABILE DELL’OPERAZIONE STROARDINARIA INFATTI IN QUESTO CASOA DIFFERENZA DELL’AGEVOLAZIONE CONSISTENTE NEL BONUS AGGREGAZIONIIL RICONOSCIMENTO FISCALENON È CONNTATURATO ALL’OPERAZIONE STESSABENSÌ È IL RISULTATO DI APPOSITA OPZIONE SUCCESSIVA ED EVENTUALE NEL CASO IN CUI VI SIA LA RAGIONEVOLE ASPETTATIVA CHELA SOCIETÀ AVENTE CAUSA SI AVVARRÀ DEI REGIMI DI IMPOSIZIONE SOSTITUTIVAOTTENENDO COSÌ IL RICONOSCIMENTO FISCALE DEI MAGGIORI VALORI CONTABILIPUÒ ESSERE CORRETTO CONSIDERARE UN AMMONTARE DI IMPOSTE DIFFERITEESATTAMENTE PARI AL FUTURO DEBITO PER IMPOSTA SOSTITUTIVA