Download
l apparato circolatorio n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
L’APPARATO CIRCOLATORIO PowerPoint Presentation
Download Presentation
L’APPARATO CIRCOLATORIO

L’APPARATO CIRCOLATORIO

422 Vues Download Presentation
Télécharger la présentation

L’APPARATO CIRCOLATORIO

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. L’APPARATO CIRCOLATORIO Lavoro a cura di Regina Tatiana classe III A a. s. 2007/08

  2. L’apparato circolatorio FUNZIONI: Veicola ossigeno e anidride carbonica Distribuisce nutrimento alle cellule Elimina i prodotti di rifiuto del metabolismo dirigendoli verso specifici organi

  3. Trasporto interno nei mammiferi • Avviene attraverso i capillari poiché il corpo umano è troppo grande per far passare l’ossigeno dai polmoni al cervello o far arrivare le sostanze nutritive dall’intestino tenue al muscoli delle braccia o delle gambe. • Il sangue pompato dal cuore passa prima dai polmoni dove si arricchisce di ossigeno e poi passa dai capillari, che formano una rete che unisce le varie cellule dei tessuti;così nessuna sostanza deve compiere per diffusione tragitti lunghi

  4. Capillare Liquido interstiziale Diffusione di molecole Cellula tessutale I capillari sono i siti di scambio tra il sangue liquido interstiziale in cui sono immerse le cellule di un tessuto • Le molecole passano per diffusione dal sangue alle cellule del tessuto • Non avviene uno scambio diretto di sostanze tra il sangue e le cellule del corpo( poiché ogni cellula è immersa nel liquido interstiziale) • Alcune molecole come quelle di ossigeno escono dai capillari nel liquido interstiziale e da questo passano nelle cellule dei tessuti

  5. Apparato circolatorio aperto Viene così definito perché ci sono parti del corpo dove il sangue esce dai vasi e scorre tra le cellule interstiziali(non c’è separazione tra il liquido interstiziale e il sangue) Apparato circolatorio chiuso È costituito da un cuore e da una rete di vasi tubulari dentro cui passa tenendolo separato dal liquido interstiziale Tre tipi di vasi: Arterie:trasportano il sangue dal cuore agli organo attraverso tutto il corpo Vene:trasportano il sangue al cuore Capillari:fanno passare in ciascun organo il sangue dalle arterie alle vene Due tipi di apparati: aperto o chiuso

  6. Cuore tubulare Pori Apparato di una cavalletta • Il pompaggio di un cuore tubulare porta il sangue verso il capo e verso il resto del corpo • Le sostanze nutritive passano dal sangue direttamente nelle cellule corporee • Le contrazioni muscolari spingono il sangue verso l’estremità posteriore • Quando il cuore si rilassa il sangue torna verso esso attraverso dei pori, dove sono posizionate delle valvole che si chiude quando il cuore è contratto evitando uscite di sangue

  7. Letti capillari Arteriola Arteria (sangue ricco di O2) Venula Vena Atrio Cuore Arteria (sangue povero di O2) Capillari branchiali Ventricolo Apparato di un pesce • Il cuore ha due cavità principali: atrio(riceve il sangue dalle vene) e ventricolo(pompa sangue alle branchie attraverso grosse arterie) • Sangue ossigenato passa dai capillari branchiali in grosse arterie che lo portano in tutto il corpo • Grandi arterie si ramificano in arteriole che danno origine ai capillari • Letti capillari o reti di capillari si infilano in ogni organo e tessuto del corpo. • Le sottili pareti dei capillari permettono lo scambio chimico tra il sangue e il liquido interstiziale.i capillari si riuniscono in venule che a loro volta convergono nelle vene che portano il sangue al cuore

  8. Bocca Canale circolare Gli cnindari e i vermi piatti hanno una cavità gastrovascolare che scambia materiale con l’ambiente, garantisce un sufficiente trasporto interno agli animali e funziona da apparato digerente • Hanno un’elaborata cavità gastrovascolare con rammificazioni che lo mettono in contatto col canale circolatorio • Le cellule interne di questo apparato contengono flagelli , il cui battito favorisce la circolazione del liquido gastrovascolare • La digestione avviene nella cavità gasrtovascolare e nelle sue cellule interne • Solo queste cellule hanno un contatto diretto con le sostanze nutritive, ma queste sostanze devono dopo arrivare alle cellele del corpo

  9. Capillari branchiali Cuore: Ventricolo (V) Atrio(A) Capillari sistemici Sistema cardiovascolare dei vertebrati • (due atri e due vetricoli) • L’atrio sinistro riceve il sangue dai polmoni e il ventricolo sinistro lo pompa verso gli organi del corpo lungo la circolazione sistematica • Cuore dei mammiferi=due pompe • Si collega alla respirazione polmonare e fa scorrere il sangue ricco di ossigeno verso gli organi • Il sangue ritorna al cuore subito dopo essere ossigenato nei polmoni e il ventricolo sinistro dà a questo sangue una spinta che lo fa andare verso i capillari sistematici

  10. Atrio destro Atrio sinistro Valvola semilunare Valvola semilunare Valvola atrioventricolare (tricuspide) Valvola atrioventricolare (bicuspide) Ventricolo destro Ventricolo sinistro Sistema cardiovascolare umano • È costituito principalmente dal tessuto muscolare cardiaco e si trova proprio sotto la gabbia toracica • I suoi atri hanno una parete sottile,ricevono il sangue che entra nel cuore e lo spingono per la breve distanza che gli separa dai ventricoli • I ventricoli hanno una parete muscolare pià spessa e mandano il sangue verso tutti gli altri organi del corpo

  11. 8 3 3 4 4 8 Apparato cardiovascolare umano • Il ventricolo destro pompa il sangue nei polmoni attraverso due arterie polmonari • Scorre attraverso i capillari dei polmoni, liberando CO2 e assorbendo o2. • Il sangue ricco di ossigeno torna mediante le vene polmonari nell’atrio sinistro e poi passa al ventricolo sinistro(quando il ventricolo si dilata e l’atrio si contrae) • Quando il sangue lascia il ventricolo passando nell’aorta(vaso sanguigno più grosso)dall’aorta si rammificano le grosse arterie che si dirigono verso la parte superiore del corpo • L’aorta si piega dietro al cuore,in basso, e si divide in arterie che portano sangue agli organo addominali e alle regioni inferiori del corpo • Il sangue povero di ossigeno proviene dalla parte superiore del corpo e dalla testa si raccoglie la vena cava superiore,mentre la vena cava inferiore raccoglie il sangue proveniente dalla parte inferiore del corpo.entrambe le vene confluiscono nell’atrio destro Aorta

  12. Capillare Membrana basale Epitelio Valvola Epitelio Epitelio Tessuto muscolare liscio Tessuto muscolare liscio Tessuto connettivo Tessutoconnettivo Arteria Vena Arteriola Venula • La struttura dei vasi sanguigni • Capillari:formano una fitta rete di ramificazioni dove avvengono gli scambi di materiale tra sangue e le cellule dei tessuti. Hanno pareti molto sottili formate da un singolo strato di cellule epiteliali avvolto da una sottile membrana basale. La loro superficie interna dei capillari è liscia e favorisce lo scorrimento delle cellule ematiche • Hanno tre stati di tessuto in modo tale da essere più resistenti. Il tessuto intermedio ha la funzione di regolare il flusso del sangue, restringe o dilata le arterie e alcune vene. • Molte vene possiedono valvole che impediscono il flusso facendo scorrere il sangue in un’unica direzione

  13. Il cuore si contrae e rilassa ritmicamente Il cuore è rilassato e le valvole atrioventricolari sono aperte Gli atri si contraggono • Quando il cuore è rilassato, durante la diastole, il sangue fluisce dentro a tutte e quattro le sue cavità • La sistole comincia invece con una brevissima contrazione degli atri, che riempie i ventricoli di sangue;poi si contraggono le valvole atrioventricolari, si aprono le valvole semilunari e il sangue viene pompato nelle grandi arteri • La quantità di sangue al minuto che il ventricolo sinistro pompa dentro l’aorta è detta gittata cardiaca. • Le valvole atrioventricolari impediscono al sangue di refluire verso gli atri quando i ventricoli si contraggono, mentre le valvole semilunari si chiudono quando i ventricoli si rilassano durante la diastole, impedendo al sangue di ritornare nei ventricoli. 0.1s Sistole I ventricoli si contraggono; le valvole semilunari sono aperte 0.3 s 0.4 s Diastole

  14. Il nodo senoatriale • Regola il ritmo del battito cardiaco(frequenza con cui si contrae) • È situato nella parete dell’atrio destro. Il nodo senoatriale genera impulsi simili a quelli delle cellule nervose che si diffondono attraverso entrambi gli atri, facendoli contrarre all’unisono e si trasmettono al nodo atrioventricolare situata nella parete tra l’atrio destro e il ventricolo sinistro. Gli impulsi vengono ritardati di 0,1 sec. Prima di passare nei ventricoli • Questo ritardo fa si che gli atri si contraggano per primi e si svuotino completamente prima della contrazione dei ventricoli • Fibre muscolari specializzate trasmettono gli impulsi dal nodo ai muscoli cardiaci dei ventricoli e danno origine alle contrazioni che spingono il sangue dal cuore ai polmoni e all’aorta Fibre muscolari specializzate per la trasmissione degli impulsi Nodo senoatriale (pacemaker) Nodo atrioventricolare Atrio destro Ventricolo destro Apice 1 2 3 4 1 2 3 4 ECG

  15. Pacemaker artificiale • Si usa nel caso di alcune malattie cardiache che rallentano o rendono irregolare il ritmo cardiaco • È un picolissimo dispositivo elettronico che viene impiantato chirurgicamente vicino al nodo atriovecolare, esso emette segnali elettrici che inducono una contrazione regolare della muscolatura cardiaca

  16. Aorta Vena cava superiore Arteria coronarica sinistra Arteria polmonare Arteria coronarica destra Occlusione Tessuto muscolare morto Attacco cardiaco • Se uno o più vasi sanguigni si ostruiscono, le cellule muscolari cardiache muoiono rapidamente, il cuore non è più in grado di pompare sufficiente sangue nel corpo e si verifica un attacco cardiaco, o infarto del miocardio

  17. 120 Pressione sistolica 100 Pressione (mm Hg) 80 60 40 Pressione diastolica 20 0 Dimensione relative e numero di vasi sanguigni 50 40 Velocità (cm/sec) 30 20 10 0 Aorta Vene Arterie Venule Atreriole Capillari Vena cava La pressione e la velocità del sangue sono maggiori nell’aorta e nelle arteriepressione sunguigna=forza esercitata dal sangue sui vasi sanguigniquesta pressione è la principale forza che spinge il sangue dal cuore ai letti capillari passando attraverso le arterie e le arteriole

  18. Pressione e velocità del sangue nei vasi sanguigni La pressione sanguigna dipende sia dalla gittata cardiaca sia dalla resistenza al flusso che esercitano i vasi sanguigni. La pressione e la velocità del sangue sono maggiori vicino al cuore e calano quando il sangue entra nelle arterie e ancora di più nelle arteriole. Il calo di pressione è dovuto soprattutto alla resistenza al sangue provocato dall’attrito tra il sangue e le pareti interne delle arteriole.Con l’abbassamento della pressione, nelle arteriole non si trovano valori elevati di pressione; questo il motivo per cui sentiamo le pulsazioni solo nelle arterie La velocità del sangue diminuisce nelle arteriole a causa dell’attrito e anche per un problema strutturale. L’ampiezza complessiva di un numero di arteriole è più grande dell’ampiezza dell’arterie che porta il sangue ad esse Se ci fosse una sola arteriola per ciascuna arteria in essa il sangue scorrerebbe molto più velocemente

  19. Direzione del flusso sanguigno nella vena Valvola (aperta) Muscolo scheletrico Valvola (chiusa) Flusso del sangue in una vena • Nel momento in cui il sangue arriva alle vene la sua pressione è quasi pari a zero per la resistenza che ha incontrato nelle arterie • Le vene dei mammiferi sono comprese tra i muscoli scheletrici e ogni volta che il corpo si muove i muscoli schiacciano le vene e spingono il sangue verso il cuore

  20. Pressione sanguigna 120 sistolica 70 diastolica (ancora da misurare) Pressione del manicotto sopra 120 Pressione del manicotto sotto i 120 Pressione del manicotto sotto i 70 Manicotto di gomma gonfiata con aria 120 120 70 Suoni udibili nello stetoscopio I suoni si arrestano Arteria chiusa Arteria Problemi cardiaci • Il valore normale della pressione sanguigna di un adulto è 120/70: il primo numero rappresenta la pressione durante la sistole, mentre il secondo quella durante la diastole.

  21. ipertensione • Alta pressione sanguigna cioè 140 per la pressione sistolica e 90 per quella diastolica • L’ipertensione aumenta il rischio di malattie cardiache come ad esempio l’infarto del miocardio

  22. Metarteriola Sfinteri precapillari Capillari Venula Arteriola Metarteriola Arteriola Venula Tessuto muscolare liscio controlla la distribuzione del sangue • La contrazione e il rilassamento dello strato muscolare liscio permette o ostruisce il passaggio del sangue • Controllo del flusso mediante riduzione del diametro dei capillari • Se le cellule muscolari si rilassano, l’arteriola si dilata permettendo il passaggio del sangue nei capillari. La contrazione dello strato muscolare restringe l’arteriola facendo diminuir il flusso sanguigno in essa e verso il letto capillare • Controllo del flusso mediante gli sfinteri precapillari • Il sangue scorre attraverso il letto capillare quando gi sfinteri sono aperti ma non quando sono chiusi.

  23. Scambio di sostanze tra sangue e il liquido interstiziale avviene in diversi modi • Alcune sostanze diffondono attraverso le cellule epiteliali della parete capillare e sono trasportate a queste cellule per endocitosi(racchiuse in vescicole) • Sulla parete capillare sono presenti strette fessure tra le loro cellule epiteliali, l’acqua, zuccheri, Sali, ossigeno possono transitare liberamente poiché sono piccoli soluti • Le cellule ematiche e le proteine in soluzione essendo troppo grosse per passare, rimangono nel capillare

  24. Cellule tessutali Estremità capillare vicina alla venula Pressione osmotica Pressione osmotica Estremità capillare vicina all’arteriola Pressione sanguigna Pressione sanguigna Liquido interstiziale Pressione netta verso l’esterno Pressione netta verso l’interno Pressione osmotica e pressione sanguigna • Sono due forze che spingono le sostanze(in un liquido), che si scambiano il sangue e il liquido interstiziale, attraverso le pareti dei capillari • La pressione sanguigna tende a spingere il liquido fuori dal capillare • La pressione osmotica tende a spingerlo dentro il capillare • Il sangue ha una concentrazione maggiore di soluti di quella del liquido interstiziale a causa della presenza di proteine sciolte nel plasma • In un qualsiasi punto l’ingresso o la fuoriuscita di liquido dipende dalla differenza tra le due pressioni

  25. Composizione del sangue • Il sangue è formato da diversi tipi di elementi cellulari (45% del sangue) che sono in sospensione in un liquido chiamato plasma • Globuli rossi, globuli bianchi, piastrine(che sono frammenti di citoplasma provenienti da grosse cellule del midollo osseo e sono importanti per la coagulazione del sangue) • Il plasma è formato dal 90%di acqua e 10% di Sali in soluzione. Da proteine e varie sostanze trasportate nel sangue • I Sali sono sciolti sotto forma di ioni che hanno molte funzioni tra cui mantenere l’equilibrio osmotico tra il sangue e il liquido interstiziale, e di stabilire il pH intorno al valore di 7,4, questa funzione è anche delle proteine plasmatiche

  26. Sono le cellule più numerose nel nostro sangue, sono privi di nucleo e di mitocondri e hanno la funzione di trasportare l’ossigeno La loro forma è di un disco biconcavo in modo da avere a disposizione una maggiore area per gli scambi gassosi. Mentre i globuli rossi passano attraverso i letti capillari, l’ossigeno diffonde al loro interno, dove si lega all’atomo di ferro dell’emoglobina. I globuli rossi sono prodotti dal midollo osseo e la lo ro produzione è controllata a feedback negativo in base a quanto ossigeno entra nei tessuti. Se c’è poco ossigeno i reni secernono un ormone chiamato eritropoietina che stimola il midollo osseo a produrre i globuli rossi.e viceversa. ANEMIA Patologia derivante dalla quantità troppa bassa emoglobina o pochi globuli rossi Una persona affetta da questa malatia si sente sempre stanca ed è spesso vulnerabile alle infezioni perché le sue cellule non hanno abbastanza ossigeno. Può essere provocata da diversi fattori come ad esempio un’eccessiva perdita di sangue, carenza di vitamine o sostanze minerali, tumore al midollo osseo. La causa più comune però è la mancanza di ferro. Globuli rossi o eritrociti

  27. Ci sono cinque tipi di leucociti che si distinguono per la colorazione e la forma dei loro nuclei BASOFILI=combattono le infezioni liberando sostanze chimiche come ad esempio l’istamina che allarga i vasi sanguigni permettendo ad altri leucociti di raggiungere i tessuti attraverso i capillari NEUTROFILI e MONOCITI=fagociti (perché mangiano i batteri, proteine estranee che entrano nel corpo attraverso le ferite e ciò che rimane delle cellule morte EOSINOFILI=fagocitari, combattono le infezioni provocate da protozoi e da vermi parassiti, attenuano gli attacca allergici LINFOCITI=cellule più importanti. Producono anticorpi, combattono virus e le cellule cancerose La funzione dei leucociti è combattere le infezioni e impedire la crescita di cellule cancerose Solitamente i globuli bianchi si trovano nel liquido interstiziale dove avvengono la maggior parte delle infezioni Essi sono prodotti dal midollo osseo e il loro numero aumenta quando si attiva l’apparato immunitario per combattere delle infezioni Globuli bianchi o leucociti

  28. Le piastrine aderiscono al tessuto connettivo, lesionato a causa di una ferita Si forma un aggregato di piastrine Un coagulo di fibrina intrappola le cellule 1 2 3 Processo di coagulazione del sangue Epitelio Tessuto connettivo Piastrine Tappo di piastrine

  29. Sostanze autocicatrizzanti che rimarginano le ferite dei vasi sanguigni Si attivano per produrre un coagulo nel momento in cui un vaso sanguigno viene leso PROCESSO DI COAGULAZIONE inizia quando l’epitelio che riveste internamente un vaso, si danneggia e il tessuto connettivo si trova a contatto diretto con il sangue.le piastrine più vicine si attaccano al tessuto e liberano una sostanza che rende adesive altre piastrine. Presto un grumo di piastrine fanno da tappo che chiude le ferite più lievi. Se la ferita è profonda: I fattori di coagulo liberati dalle piastrine e dalle cellule danneggiate si mescolano nel plasma con altri fattori.questa unione attiva la proteina della protrombina e la trasforma nell’enzima trombina che a sua volta converte il fibrinogeno in una proteina filiforme chiamata fibrina. I filamenti di fibrina intrappolano le cellule del sangue chiudendo ermeticamente il vaso fin chè il tessuto connettivo non forma uno strato continuo Emofilia=malattia ereditaria. Un’altra anomalia è la formazione di trombi, coaguli del sangue, senza motivo. Piastrine e la proteina fibrinogeno

  30. Le cellule staminali • Sono le cellule non specializzate dotate della capacità di diventare qualsiasi tipo di cellula • Ci sono quattro tipi di cellule staminali • Totipotenti,può svilupparsi in un intero organismo e in tessuti extra-embrionali • Multipotenti,si possono specializzare solo in alcuni tipi di cellule • Pluripotenti,possono specializzarsi in tutti i tipi di cellule di un adulto ma non extra-embrionali • Unipotenti,possono generare solo un tipo di cellule specializzate • Le cellule staminali si trovano negli embrioni a livello di blastocisti e sono prodotte negli adulti dal midollo osseo • Le cellule staminali possono essere usate per curare malattie legate alle cellule del sangue come ad esempio la leucemia che è una malattia che provoca la presenza di un alto numero di globuli bianchi e molti difettosi.