Download
la ricotta n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
La Ricotta PowerPoint Presentation

La Ricotta

159 Vues Download Presentation
Télécharger la présentation

La Ricotta

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. La Ricotta Cinema Roma anni 60

  2. Quarto episodio del filmRoGoPaG. Gli altri episodi sono: Illibatezza di Rossellini, Il nuovo mondo di Godard, Il pollo ruspante di Gregoretti. La ricotta scritto e diretto da Pier Paolo Pasolini, racconta le riprese di un regista molto pretenzioso, che si auto definisce marxista ortodosso (impersonato da Orson Welles), sulla Passione di Cristo. La trama si protrae nell’arco di una giornata, dove vede “stracci” come protagonista, una persona povera che interpreta un ruolo di comparsa all’interno del film.

  3. Terzo film di Pasolini È il terzo film di Pasolini e in esso, ancora una volta, il registra privilegia una storia che fa capo agli strati più umili ed emarginati della società - tutte le comparse, i generici, i figuranti del "film nel film" la cui storia viene narrata (e che rappresenta la Passione di Cristo) sono dei sottoproletari, dei "morti di fame" in senso letterale, come ci dirà lo stesso Pasolini attraverso l'"enorme mangiata" di ricotta rappresentata quasi a conclusione del film e della vita stessa di Stracci. Ma compare anche la borghesia, nei panni rozzi e volgari del produttore e del suo entourage.

  4. Ma compare anche la borghesia, nei panni rozzi e volgari del produttore e del suo entourage. E viene anche "messa in scena" l'"integrazione sociale" cui sembra essere pervenuto il regista "marxista" (interpretato da Orson Welles).

  5. Messaggio del Film La ricotta è un episodio del film RoGoPaG, prodotta da Alfredo Bini, il quale, deponendo al processo per vilipendio contro la religione dello Stato, intentato dal P.M. Di Gennaro contro Pier Paolo Pasolini, disse: "Il film è composto di quattro episodi.

  6. Il filo conduttore è costituito dai diversi aspetti di uno stesso fenomeno, il condizionamento dell'uomo nel mondo moderno. Il primo regista, Rossellini, si  occupava del condizionamento dell'uomo nei suoi rapporti con la donna; il secondo, Gregoretti, si occupava del condizionamento relativo alla tecnologia ;

  7. Godard prevedeva in un prossimo futuro  piccolissimi fattori di degenarazione che avrebbero portato alla fine del mondo senza scosse; Pasolini si occupava della maggior parte  degli uomini non ancora in tale stato di condizionamento". 

  8. La ricotta è, quindi, una denuncia della decadenza morale  dell'uomo contemporaneo. Pasolini si serve di uno dei simboli del  cristianesimo, la passione di Cristo, per rappresentare, attraverso  l'immoralità della troupe di quel set cinematografico, il vero Cristo:  Stracci. Stracci ha una duplice funzione:  

  9. rappresenta il sottoproletario sacrificato al vuoto borghese, e rappresenta l'incarnazione reale e  contemporanea del Cristo. Stracci viene sacrificato, condannato a morte dalla ferocia di un mondo gretto e teso al consumo a tutti i costi. 

  10. La pellicola fu sequestrata con l'imputazione di "vilipendio alla religione di Stato" (1963): nelle numerose pagine di questo sito se ne parla molto ampiamente. Ne seguì un processo nel quale, tra l'altro, il Procuratore della Repubblica Di Gennaro presentò ai "cattolici benpensanti" il film come "il cavallo di Troia della rivoluzione proletaria nella città di Dio".  


  11. Saranno apportati alcuni tagli: le tre ripetizioni de "la corona!", lo spogliarello della generica che interpreta la Maddalena, la risata dell'attore generico che interpreta Cristo; si sostituisce l'ordine "via i crocefissi!" con "fare l'altra scena!",

  12. l'espressione "cornuti" con "che peccato", la frase finale "povero Stracci, crepare è stato il suo solo modo di fare la rivoluzione" con "povero Stracci! crepare, non aveva altro modo di ricordarci che anche lui era vivo"!  
Soltanto nel maggio 1964 la Corte d'appello di Roma, accogliendo il ricorso di Pasolini, assolverà il regista perché "il fatto non costituisce reato".