L’arcipelago delle statistiche - PowerPoint PPT Presentation

l arcipelago delle statistiche n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
L’arcipelago delle statistiche PowerPoint Presentation
Download Presentation
L’arcipelago delle statistiche

play fullscreen
1 / 19
L’arcipelago delle statistiche
139 Views
Download Presentation
khalil
Download Presentation

L’arcipelago delle statistiche

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Università della CalabriaFacoltà di Scienze PoliticheCorso di Laurea in Scienze dell’AmministrazioneAnalisi del territorioA.A. 2008/2009 Antonino Campennì L’arcipelago delle statistiche

  2. Un indicatore è… Un numero o una percentuale che descrive un determinato fenomeno sociale Esistono indicatori per una gran quantità di fenomeni sociali, che possono essere raggruppati per famiglie (popolazione, mercato del lavoro, salute, trasporti, reddito, criminalità, ambiente…)

  3. Problemi nell’utilizzo degli indicatori • Utilizzo spesso acritico e arbitrario • Non è dimostrato il nesso tra uso degli indicatori e azione amministrativa • Mancanza di un sistema coerente e funzionale di dati e indicatori • Mancanza di una cultura amministrativa attenta all’importanza del dato • Sottoutilizzo dei process-produced data

  4. Una fonte statistica è… Qualunque entità che consente di acquisire informazioni o dati che si riferiscono a fenomeni, avvenimenti o gruppi sociali, collocati in un ambito [spaziale] preciso e relativi a un dato momento temporale. (Zajczyk, 1997 , p. 51)

  5. Tab. 1. Cosenza – Popolazione residente per classi di età e per circoscrizione amministrativa (v.a. - 1 luglio 2005) Fonte: Comune di Cosenza, Ufficio Anagrafe

  6. Criteri per classificare le fonti: • Natura giuridico-amministrativa della fonte • Finalità della rilevazione dei dati • Strumenti per la divulgazione dei dati

  7. Natura giuridico-amministrativa della fonte:quattro grandi categorie

  8. 1) Enti istituzionali Enti che raccolgono, elaborano, gestiscono e divulgano informazioni statistiche in base a obblighi di legge: Istat, Ministeri, Dipartimenti, Aziende autonome, Regioni, Prefetture, Province, Comuni, Camere di commercio…

  9. 2) Enti pubblici o titolari di servizio pubblico Soggetti pubblici diversificati che svolgono funzioni economiche fornendo servizi a livello nazionale: ACI, CNEL, ENEL, INAIL, INPS, SIAE, RAI, INPDAP…

  10. 3) Società e organismi privati Associazioni di categoria, sindacati dei lavoratori, organizzazioni dei datori di lavoro, centri studi di aziende private…

  11. 4) Strutture scientifiche CNR, CENSIS, Università, istituti di ricerca, fondazioni…

  12. Finalità della rilevazione dei dati,due grandi categorie: 1) Finalità AMMINISTRATIVE: dati prodotti al fine di gestire e controllare l’azione amministrativa (erogazione di un servizio). Es. anagrafi, registri degli utenti…

  13. Anagrafi Informazioni relative a: Nascite, morti, trasferimenti da e per altro comune, matrimoni, stato di famiglia, sentenze dell’autorità giudiziaria…

  14. 2) Finalità CONOSCITIVE: campagne di rilevazione e indagini varie a) Censimenti (della popolazione e delle abitazioni, dell’agricoltura, dell’industria); b) Indagini campionarie (es. la Rilevazione sulle forze di lavoro, l’Indagine multiscopo sulle famiglie…)

  15. Il Censimento generale della popolazione e delle abitazioni

  16. 14° Censimento della popolazione e delle abitazioni (2001) 57 milioni di cittadini (93,8 uomini ogni 100 donne), pari a 22 milioni di famiglie; 1,3 milioni di stranieri; 13 milioni di edifici e 27 milioni di abitazioni.Il conteggio della popolazione e la rilevazione delle sue caratteristiche strutturali, l'aggiornamento e la revisione delle anagrafi, la determinazione della popolazione legale, la raccolta di informazioni sulla consistenza numerica e sulle caratteristiche strutturali delle abitazioni. Questi i principali obiettivi del Censimento della popolazione e delle abitazioni.Con il 14° Censimento, per la prima volta, sono stati censiti anche gli edifici: numero e caratteristiche degli edifici ad uso abitativo e, limitatamente ai centri abitati, anche di quelli ad uso non abitativo.L'ultimo censimento ha rilevato, inoltre, la struttura demografica e familiare della popolazione straniera residente, le tipologie familiari, il titolo di studio più elevato conseguito Italia o all'estero, la condizione professionale ed informazioni sulle persone non residenti.