Download
slide1 n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
MARCHE PowerPoint Presentation

MARCHE

617 Vues Download Presentation
Télécharger la présentation

MARCHE

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. MARCHE

  2. uscita INDICE POSIZIONE GEOGRAFICA CONFINI OROGRAFIA IDROGRAFIA CLIMA FAUNA E FLORA ECONOMIA PROVINCE CURIOSITA’ AUTORI Clicca sulle frecce

  3. N POSIZIONE E O S Le Marche si trovano nell’Italia centrale

  4. N CONFINI E O S EMILIA-ROMAGNA S.MARINO CARTA DI IDENTITA’ SUPERFICE: 9694Km2 POPOLAZIONE: 1460989 ab. DENSITA’: 151ab. per Km2 MAR ADRIATICO TOSCANA UMBRIA ABRUZZO LAZIO

  5. N OROGRAFIA E O S MONTEFELTRO M. CONERO APPENINO UMBRO-MARCHIGIANO M. PENNINO M. FEMA M. SIBILINI M. VETTORE La regione ha la forma di un quadrilatero che si estende dalle cime dell’Appennino umbro-marchigiano (a ovest) fino alle acque dell’Adriatico (a est).

  6. I fiumi, che scendono dall’Appennino, sono numerosi e dal corso breve (in genere, meno di 100 chilometri). I più importanti sono il Foglia, il Metauro, il Potenza, il Chienti e il Tronto, e hanno tutti carattere torrentizio. L’irregolarità delle precipitazioni durante l’anno fa sì che i fiumi abbiano periodi di piena durante l’inverno e di magra durante l’estate. La regione ha un solo lago, di origine glaciale, il Lago Pilato. IDROGRAFIA FIUME FOGLIA F.METAURO F.POTENZA F. CHIENTI

  7. N CLIMA E O S CLIMA COSTIERO CLIMA INTERNO Il clima varia man mano che si procede verso l’interno. Dove il paesaggio è montuoso, le temperature sono piuttosto rigide e, salendo in altitudine, le precipitazioni nevose sono più frequenti. Lungo la costa invece, il clima è di tipo mediterraneo, con estati calde ma ventilate, inverni più miti e precipitazioni meno frequenti.

  8. FLORA E FAUNA Nelle marche le specie vegetali più comuni sono il leccio, il faggio (nelle zone montuose), il castagno e la quercia (nelle aree submontane). Nell’ area appenninica cresce anche la rara rosa alpina, mentre verso il promontorio del Conero è diffusa la macchia mediterranea sempreverde (con lecci, corbezzoli, lentischi, allori, olivi). Tra gli animali selvatici, troviamo le specie tipiche dell’ Appennino, come la volpe, lo scoiattolo, il picchio e il pettirosso. Nelle zone protette si possono ammirare il falco pellegrino e l’aquila reale.

  9. ECONOMIA L’economia marchigiana si è sviluppata negli ultimi decenni nei settori industriale e terziario, che ha assunto maggiore rilevanza. I prodotti agricoli più coltivati sono il frumento, gli ortaggi, la frutta, le olive, l’uva da vino e la barbabietola da zucchero; la pesca ha maggior peso rispetto all’allevamento. L’industria è fiorente soprattutto nel settore cartario, oltre che in altre branchie. Il turismo si concentra sulle località balneari e su alcune città d’interesse storico ed artistico.

  10. N PROVINCE E O S PROVINCIA DI PESARO PROVINCIA DI ANCONA PROVINCIA ASCOLI PICENO PROVINCIA DI MACERATA

  11. CURIOSITA' Carlo Magno quando dominò, divise il territorio feudi i confini furono chiamati Marche in tedesco Marck cioè segno del confine. Vicino ad Ancona ci sono le grotte di Frasassi Nelle Marche viene anche apprezzato un tipo di lasagne chiamate Vincisgrassi Le olive ascolane o olive fritte sono uno dei piatti più golosi e noti.

  12. AUTORI ALICE FRANCESCA