Download
metabolismo dei glucidi n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
METABOLISMO DEI GLUCIDI PowerPoint Presentation
Download Presentation
METABOLISMO DEI GLUCIDI

METABOLISMO DEI GLUCIDI

592 Vues Download Presentation
Télécharger la présentation

METABOLISMO DEI GLUCIDI

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. METABOLISMO DEI GLUCIDI

  2. DIGESTIONE E ASSORBIMENTO DEI GLUCIDI ALIMENTARI BOCCA AMIDO,GLICOGENO MALTOSO Denaturata dal pH acido dello stomaco amilasi salivare PANCREAS DUODENO amilasi pancreatica • DEMOLIZIONE DEI POLISACCARIDI RESIDUI • MALTOSO GLUCOSO + GLUCOSO • SACCAROSO GLUCOSO + FRUTTOSO • LATTOSO GLUCOSO + GALATTOSO Assorbiti nei capillari dei villi intestinali e, attraverso la vena porta, veicolati al fegato maltasi saccarasi lattasi

  3. Entrata nella glicolisi di altri esosi

  4. SCHEMA DELLE PRINCIPALI VIE CATABOLICHE fruttoso galattoso glucoso mannoso pentosi GLICOGENO ATP glicogenolisi GLUCOSO 6-P fegato via dei pentosi glicolisi PIRUVATO RIBOSO NADPH + H+ ACIDO GLUCURONICO LDH LATTATO

  5. LA VIA DEI PENTOSI La via dei pentosi, citoplasmatica, è una via catabolica del glucoso e viene attivata secondo specifiche esigenze metaboliche. Lo scopo di questa via non è di ossidare glucoso per produrre ATP, ma per produrre RIBOSO e NADPH + H+ Il riboso viene utilizzato per la sintesi dei nucleotidi liberi (ATP, GTP, CTP, UTP) e degli acidi nucleici. Il NADP+ costituisce, in forma ridotta NADPH + H+ il “potere riducente”, cioè una forma di energia utilizzata in sede extra-mitocondriale per numerosi processi di biosintesi di molecole altamente ridotte (acidi grassi, colesterolo). NAD+ e NADP+, coenzimi molto simili per struttura, hanno ruolicompletamentediversi in compartimenti cellulari differenti. NADH riossidato in catena respiratoria mitocondriale  3ATP NADPH impiegato nel citoplasma  biosintesi di molecole altamente ridotte

  6. Relazione tra la glicolisi e la via del pentoso fosfato

  7. LA GLICOGENOLISI (CITOPLASMA) Glicogeno sottoposto a regolazione ormonale Glicogeno fosforilasi Glucoso 1-P Isomerasi Glucoso 6-P Enzima deramificante Estremità attaccate dalla glicogeno fosforilasi

  8. La glicolisi Il glucosio è la principale fonte energetica dell'organismo, in grado di fosforilare l'ADP e trasformarlo in ATP. Le reazioni che portano alla rottura del glucosio o di altre molecole ad alto contenuto energetico, sono ossidoriduzioni che avvengono in modo graduale.

  9. La glicolisi le prime tappe di questo complesso processo prendono il nome di glicolisi e avvengono nel citoplasma delle cellule. si tratta di una serie di reazioni che inizialmente portano al consumo di  2 ATP per ogni molecola di glucosio, ma che poi permettono la produzione di 4 ATP, con un guadagno netto di 2 ATP.

  10. La glicolisi 4 gruppi fosfato si legano a molecole derivate dal glucosio e successivamente vengono ceduti per la formazione di 4 molecole di ATP. Durante il processo vengono inoltre prodotti 2 NADH.

  11. La glicolisi Al termine della glicolisi, il glucosio è stato trasformato in 2 molecole di acido piruvico, una molecola a 3 atomi di carbonio, che contiene ancora nei suoi legami una certa quantità di energia. La reazione complessiva è: Glucosio + 2 ADP + 2 Pi + 2 NAD+--->2 Piruvato + 2 ATP + 2 NADH + 2 H+ + 2 H2O

  12. LA GLICOLISI E LA FOSFORILAZIONE A LIVELLO DEL SUBSTRATO • La glicolisi è una via metabolica che si svolge nel citoplasma in assenza di ossigeno (anaerobiosi) e nei mitocondri (aerobiosi): riguarda il catabolismo del glucosio-6P. In anaereaobiosi si ha una sequenza lineare di reazioni, in cui gli intermedi sono tutti fosforilati per impedire che fuoriescano dalla cellula, suddivisa in 2 fasi: • I FASE (consumo di ATP) • consumo di 2 molecole di ATP per attivazione dei substrati (glucoso, fruttoso-6P) • II FASE (produzione di ATP) • rottura della molecola a 6 atomi di carbonio in 2 molecole a 3 atomi di carbonio • 2 reazioni di ossido-riduzione che, grazie alla presenza in 2 substrati (1,3BPG e PEP) di legami “altamente energetici”, conducono alla • sintesi di ATP “a livello del substrato” • così definita per differenziarla dalla fosforilazione ossidativa che avviene nel mitocondrio accoppiata alla catena respiratoria.

  13. LE TAPPE DELLA GLICOLISI(ANAEREOBIOSI) Glicogeno, amido fruttoso, galattoso glucoso, mannoso pentosi ATPADP glucoso 6-P Pi Glucoso 1-P fruttoso 6-P ATPADP fruttoso 1,6-P gliceraldeide 3-P (2 molecole) Pi 2 NAD 2 NADH+H+ 1,3 BPG (2) 2 ADP 2 ATP Acido 3 fosfoglicerico (2) Acido 2 fosfoglicerico (2) PEP (2) 2 ADP 2 ATP acido piruvico (2) acido lattico (2) LDH

  14. LA GLICOLISI: BILANCIO ENERGETICO (CITOPLASMA) Glucoso + ATP Glucoso 6-P Bilancio energetico 4 ATP – 2 ATP = 2 ATP prodotti esocinasi + ATP Fruttoso 1,6-BP 2 molecole di 1,3 BPG 2 ATP Sintesi “a livello del substrato” 2 molecole di fosfoenol-piruvato (PEP) 2 ATP NAD+ NADH+H+ 2 molecole di lattato 2 molecole di piruvato LDH

  15. LE TAPPE DELLA GLICOLISI Glicogeno glucoso, fruttoso, galattoso, mannoso ATPADP glucoso 6-P Pi FASE PREPARATORIA SPESA ENERGETICA Glucoso 1-P fruttoso 6-P ATPADP fruttoso 1,6-P gliceraldeide 3-P (2 molecole) diidrossiacetone-P Pi 2 NAD 2 NADH+H+ 1,3 BPG (2) 2 ADP 2 ATP 3 fosfoglicerato (2) FASE DI RECUPERO ENERGETICO 2 fosfoglicerato (2) PEP (2) 2 ADP 2 ATP piruvato (2) lattato (2) LDH

  16. Glicolisi

  17. Glicolisi

  18. Glicolisi

  19. Glicolisi

  20. Glicolisi

  21. Glicolisi

  22. Glicolisi

  23. Glicolisi

  24. Glicolisi

  25. Glicolisi

  26. Glicolisi

  27. Glicolisi Fosfofruttochinasi PFK E' un enzima tetramero composto da 4 subunità

  28. Glicolisi Fosfofruttochinasi PFK PFK inattiva tutte le subunità si trovano nella conformazione inattiva T

  29. Glicolisi Fosfofruttochinasi PFK

  30. Glicolisi Fosfofruttochinasi PFK La Fosfogliceraldeide (PGA) funziona da inibitore della PFK

  31. Glicolisi Fosfofruttochinasi PFK PFK attiva in presenza di attivatori quali l'ADP e AMP, l'enzima si trasforma nella sua conformazione attiva

  32. Glicolisi Fosfofruttochinasi PFK Mg2+ e ATP perchè possa funzionare è necessaria la presenza di ioni Mg2+

  33. Glicolisi Fosfofruttochinasi PFK amminoacidi che costituiscono il sito catalitico

  34. LA DECARBOSSILAZIONE OSSIDATIVA DEL PIRUVATO (MITOCONDRIO) PIRUVATO Piruvato deidrogenasi (decarbossilasi) NAD+, TPP, CoA CO2 ACETIL S-CoA

  35. GLICOLISI ANAEROBIA NADH + H+ + LDH (lattato deidrogenasi) + NAD+