Download
universit degli studi di pavia facolt di economia n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia PowerPoint Presentation
Download Presentation
Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia

Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia

141 Vues Download Presentation
Télécharger la présentation

Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Università degli Studi di PaviaFacoltà di Economia Corso di Economia AziendaleIstituzioni CAPITOLO 3 L’investimento e le sue leggi Titolari: Prof. Piero Mella [A/K]-Prof.ssa Anna Moisello [L/Z] Lecturers: Dott. LuigiGuardamagna Dott.ssa Michela Pellicelli Dott.ssa Nicoletta Spagnolo Tutor:Dott.ssa Chiara Demartini ATTENZIONE Questa è l’aula per gli Studenti A/K Anno Accademico 2005/2006 -

  2. 3.1 L’nvestimento, in generale • Un capitale monetario: CI(t0) = K(t0) • viene messo in rischio (diventa: capitale investito) in qualche operazione economica per un periodo T = (t0, t1), e viene trasformato in un capitale: CI’(t1) = K’(t1) • consentendo di ottenere un risultato:R(T) = CI(t1) - CI(t0) = K’(t1) – K(t0), che denominiamo risultato operativo dell’investimento. • E’ un trasformatore efficiente di capitale. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  3. Processi che producono rischio CI(t0)=K(t0) CI(t1)=K’(t1) ROI R(T) Il rendimento dell’investimento • Per valutare la performance dell’investimento si può calcolare il rendimento: ROI = R(T) / CI(t0) • L’investimento quale trasformatore può essere rappresentato con il modello: Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  4. Le tre forme dell’investimento • Tre sono le forme dell'investimento (supponiamolo monetario): 1 - economico reale: è formato da due scambi contrapposti dello stesso bene a t diverse 2 - economico produttivo: si acquisiscono fattori di produzione e si cedono le produzioni ottenute da processi produttivi intermedi. 3 - finanziario: si cede un capitale contro un capitale futuro, lasciandone ad altri l’investimento economico. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  5. 3.2 L’investimento economico reale • Un capitale CI(t0) = K(t0) viene investito per acquistare un bene Bin quantità QB(t0) ai prezzipB(t0). • Al termine di T lo stesso bene viene venduto ai prezzipB(t1)e si recupera il capitaleCI(t1) = K(t1). • Se maggiore di quello investito, si quantifica un utile; se inferiore, una perdita. + QB(t0) - QB(t1) ——————————————————— - K(t0) + K(t1) Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  6. QB(t1) pB(t1) QB(t0) pB(t0) Processi che producono rischio Costo = CB(t0) Ricavo = RB(t1) CASSA che muove il capitale K’(t1) = CI’(t1) K(t0) = CI(t0) RO(T) ROI ROI= RO / CI(t0) [3.4] Nuovo modello • Il modello precedente può essere sostituito dal seguente che evidenzia i flussi anziché i segni: Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  7. Conto del risultato operativo dell’Inv. Il risultato operativo • Per le definizioni precedenti scriviamo: RO(T) = Ricavo – Costo = RB(t1) - CB(t0) = QB(t1) pB(t1) - QB(t0) pB(t0)[3.1] ROI = RO(T) / CI(t0) [3.4] Costo = QB(t0) pB(t0) Ricavo = QB(t1) pB(t1) Risultato Operativo = RO(T) Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  8. Il risultato operativo e i rischi • Se QB(t1) = QB(t0) allora risulta: RO(T) = QB(t1) [ pB(t1) - pB(t0) ]. [3.2] • Ecco i due rischi dell’investimento reale: • rischiotecnico di conservazione di B; • rischioeconomico di mercato: l’investimento ottiene un utile se i prezzi aumentano in T. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  9. L’economicità • Possiamo testare la performance economica tramite l’economicità:E(T) = RB(t1) / CB(t0) [3.3] • Si ottiene immediatamente:QB(t1) * pB(t1)E(T) = --------------------------QB(t0) * pB(t0). • Il rapporto[QB(t1) / QB(t0)]  1testa l’efficienza tecnica– cioè la capacità di tenere sotto controllo il rischio tecnico; • Ilrapporto[pB(t1) / pB(t0)]  > 1testal’efficienzadi mercato, cioè la capacità del management dell’investimento di vincere il rischio economico dell’apprezzamento. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  10. 3.2 L’investimento economico produttivo • In capitale CI(t0) viene investito per acquistare fattori di produzione Fin quantità QF(t0) ai prezzipF(t0). • Le QF(t0) sonotrasformate in QP(t1) nel periodo T. • Al termine di T le QP(t1) vengono vendute ai prezzi pP(t1)e si recupera il capitale CI(t1). • Se maggiore di quello investito, produce un utile; se inferiore, una perdita. + QF(t0) - QF = +QP - QP(t1) —————————————————————— - K(t0) trasformazione + K(t1) Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  11. QP(t1) pP(t1) QF(t0) pF(t0) Processi che producono rischio CASSA che muove il capitale K(t0) K’(t1) RO(T) ROI Nuovo modello • Il modello precedente può essere sostituito dal seguente che evidenzia i flussi anziché i segni: • I processi che producono il rischio sono processi di trasformazione produttiva. Costo degli F Ricavo dei P Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  12. Le 4 classi di fattori • In qualsivoglia investimento produttivo vi sono solo 4 classi di fattori di produzione: • materie, indicati con M, in quantità QM ai prezzi pM, • servizi, indicati con S, in quantità QS ai prezzi pS, • lavoro indicati con L, in quantità QL ai prezzi pL, • impianto o fattori di struttura, I, o di capacità, in quantità NI = QI/KIai prezzi pI. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  13. QM(t0) pM(t0) = CM QS(t0) pS(t0) = CS QL(t0) pL(t0) = CL NI(t0) pI(t0) = CI Processi che producono rischio Trasformazione produttiva QP(t1) pP(t1) Ricavo dei P CASSA che muove il capitale K(t0) K’(t1) RO(T) ROI Nuovo modello • Tendo conto della tipologia di fattori, il modello precedente può essere ampliato: In questo modello il business è un trasformatore produttivo mi-so Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  14. Il business • Un investimento produttivo del quale siano specificati: • il prodottoP • i processi produttivi e la tecnologia per ottenerlo, • i fattoriF impiegati, • i prezzi di vendita, • i mercati, i consumatori, e i canali di distribuzione, • i capitali necessari per l’investimento, • può essere denominato business produttivo. • Nel business produttivo si produce per vendere ed ottenere un aumento del capitale investito, cioè del RO. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  15. Tipologia di business • A seconda delle trasformazioni economiche distinguiamo tra business reale e produttivo. • L’investimento economico reale è una particolare classe di investimento produttivo. • A seconda della durata distinguiamo tra: • business progetto, se T è definito; • business processo se T non è limitato a priori; il business continua finché vi è soddisfacente performance. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  16. I fattori operativi e di capacità • Materie, Servizi, e Lavoro sono fattori di processo od operativi, in quanto acquistabili ed utilizzabili per singola unità. Di fatto risulta: QM(t0) = qM QP, essendo qM il fabbisogno unitario di M QS(t0) = qS QP, essendo qS il fabbisogno unitario di S QL(t0) = qL QP, essendo qL il fabbisogno unitario di L. • l’Impianto è formato dai fattori di struttura, che sono fattori di capacità in quanto hanno una capacità produttiva minima, KI, che deve essere acquistata interamente e non è divisibile. • Se QI = qIQP, essendo qI il fabbisogno unitario di I è l’ammontare dei servizi di struttura e KIla capacità dell’impianto che li eroga, allora occorre acquistare NI = QI/KI. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  17. Costi diretti ed indiretti • Appare evidente che i costi dei fattori in input dipendono direttamente od indirettamente dai volumi produttivi. • I costi dei fattori M, S e L, che sono fattori operativi, sono costi diretti o variabili perché sono funzione diretta (lineare nelle nostre ipotesi) di QP. • I costi dell’impianto produttivo, che rappresenta il fattore di struttura, sono indiretti o fissi perché dipendono anche dalla capacità produttiva dei fattori disponibili, cioè da KI. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  18. Il risultato operativo • La performanceeconomica si misura con: RO(T) = Ricavo – Costi dei fattori = RP(t1) - CF(t0)= = QP(t1) pP(t1) - QF(t0) pF(t0)[3.5] • Scrivendo analiticamente, ed omettendo i riferimenti temporali, la [3.5] diventa: RO(T) = [QP pP] - [(QM pM) + (QS pS) + (QL pL) + (NI pI)] [3.7] • La somma dei costi dei fattori rappresenta un unico input derivante dalla omogeneizzazione dei volumi fisici dei fattori ad opera dei prezzi e rappresenta il valore di produzione di QP e si definisce: Costo di produzione dei P = CP(T) Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  19. Costo di produzione: CP(T) • Costo di produzione Somma dei costi dei fattori produttivamente consumati per ottenere i volumi complessivi QPin T: CP(T)= GFM, S, L, I = nCFM, S, L, I = = (QM pM) + (QS pS) + (QL pL) + (NI pI) NI pI CP(T)= QP[ qM pM + qS pS + qL pL + ——— ] QP NI pI = QP[ cM + cS + cL + ———] QP • Costo unitario medio Costo sostenuto in media per un’unità di produzione in T: cP(T)= CP(T) / QP[3.8] Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  20. Risultato operativo (analitico) • Sulla base della [3.7] e della [3.8] possiamo riscrivere la [3.5] nella forma: RO(T) = Ricavo – Costo = RP(t1) - CF(t0)= = QP(t1) pP(t1) - QP(T) cP(T). • Essendo: QP(t1)   QP(T) risulta: RO(T) = QP [ pP – cP ]. [3.9] • Abbiamo ottenuto una semplice espressione analoga alla [3.2] per testare la performance economica tramite risultato. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  21. Business Plan e Bilancio • Il conto del risultato e il conto del cash flow devono essere predisposti ex ante, per decidere se il business risulta conveniente. • I due documenti formano il Business Plan (insieme ad altri documenti di dettaglio). • I due conti devono essere anche predisposti ex post, per verificare se il business è risultato conveniente. • In questo caso i due documenti formano il Bilancio dell’investimento. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  22. L’economicità • Possiamo testare la performanceeconomica anche tramite economicità: RP pP E(T) = ——— = ——— [3.11] CP cP che dimostra la capacità dell’investimento produttivo di trasformare costi in prezzi, cioè di trasformare il valore dei fattori consumati in un più elevato valore dei prodotti ottenuti.  cP max divario  pP  • L’investimento produttivo è trasformatore economico-produttivo che deve produrre il massimoapprezzamento della ricchezzaottenuta rispetto a quella impiegata. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  23. Il ROI • Per valutare la performance dell’investimento produttivo nella creazione di valore è utile calcolare il rendimento del capitale investito: RO(T) ROI(T) = ———[3.12] CI(t0) • Essendo ROIdirettamente proporzionale a RO e inversamente a CI ci chiediamo: • Come è possibile aumentare RO(T)? • Come è possibile ridurre CI? Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  24. Nuova significativaespressione del RO [continua] • Riscriviamo la [3.9] : RO(T) = QP [ pP – cP ], • sostituendo l’espressione di calcolo del costo di produzione: NI pI CP(T)= QP[ qM pM + qS pS + qL pL + ——— ] QP • otteniamo: NI pI RO(T) = QP pP – [qM pM + qS pS + qL pL + ——— ] QP [3.10 bis] Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  25. Le quattro leve manageriali • La [3.10bis] evidenzia le quattro principali leve manageriali per controllare il RO(T): • Espandere i volumi di produzione (funzione commerciale) QP • Espandere i prezzi di vendita(funzione di marketing)  pF max divario  pP  • Ridurre i fabbisogni unitari di fattori(funzione produzione)  qF min • Contrarre i prezzi medi d’approvvigionamento(funzione approvvigionamento)  pF min Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  26. Margine unitario e ROC • La differenza: mP = pP – cP = roP rappresenta il margine unitario di negoziazione. MP = mP QP è il margine complessivo che in genere corrisponde al RO. • Il rapporto: roc = mP / cP rappresenta il return on cost o ricarico o markup. roc= RO / CP è il ricarico calcolato su valori complessivi. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  27. L’investimento pluriciclico • Un investimento è pluriciclico se l’approvvigionamento dei fattori e la vendita delle produzioni avviene in N cicli consecutivi. • Supponiamo che si possano attuare N cicli uguali, tali che, per 1  n N: ROn = RPn – CPn= RO(t) = RP(t) – CP(t). • Ovviamente: RO(T) = nROn= N RO(t) Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  28. Il Cost Investment Ratio • Il capitale investito necessario per l’intero investimento risulta essere pari all’ammontare dei costi da sostenere nel primo dei cicli: CI(t0)CP(t). • Risulta allora immediatamente che: N = [N CP(t) ]/ CI(t0) = CIR • Il numero N non rappresenta non solo il numero di cicli ma anche la rotazione del capitale nell’intero investimento, cioè ilCIR(Cost Investment Ratio). Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  29. Come ridurre CI. Una quinta leva manageriale • Per ridurre il fabbisogno di CI(t0) è necessario aumentare la rotazione del capitale investito, mantenendo, per ciascun ciclo, lo stesso ricarico sul costo, roc. • Da ciò conseguie un innalzamento del ROI. • Il CIR è la leva che fa innalzare il ROI a parità di efficienza economica (prezzi) e produttiva (costi), quindi di roc: ROI(T) = RO / CI(t0) = roc • CIR = RO CP = ——— ——— [3.13] CP CI(t0) Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  30. pP qF CIR=N QP roc pF RP(T) CP(T) Processi che producono rischio CASSA che muove il capitale K(t) K’(t+1) RO(T) ROI E Le leve del controllo dell’investimento produttivo + + - + - + Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  31. 3.4 L’investimento finanziario • Un capitale CI(t0) viene posto in rischio • per il finanziamento del capitale investito • di un investimento economicoproduttivo o economicoreale • e diventa un capitale finanziario. • Al termine di T si recupera il capitale CI(t1) ed il risultato finanziario. • L’investitore finanziario sopporta un rischio indiretto: quello dell’investimento economico per finanziare il quale il capitale è stato conferito. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  32. Investimento in Equity • Il capitale finanziario può essere investito in due forme: 1) conferimento in rischioassoluto o a titolo di Equity (capitale proprio, capitale netto, ecc,) come partecipazione alla formazione del capitale investito: - K(t0) + K(t1) ———————————————————— + partecipazione - partecipazione L’Equity partecipa ai risultati dell’investimento economico ma guadagna per ultimo e perde per primo. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  33. Investimento in Debt 2) conferimento in rischiorelativo o a titolo di Debt (Debit, prestito, finanziamento netto, credito di finanziamento, ecc,): - K(t0) + K(t1) ———————————————————— + prestito - prestito Il Debt partecipa ai risultati dell’investimento economico ma guadagna per primo e perde per ultimo. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  34. Remunerazioni: Interesse (IP) e Utile netto (RN) • La remunerazione del Debt è in misuranegoziata in anticipo tramite il tasso di interesse i e si denomina Interesse, IP: IP = D i T • La remunerazione dell’Equity è in misura eventuale e residuale in quanto deriva dal RO(T) dell’investimento economico dopo avere detratto gli IP e si denomina risultato (utile o perdita) nettoRN: RN(T) = RO(T) - IP = RO(T) – (D * i * T) Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  35. Performance finanziaria: ROE e ROD • La performance finanziaria si valuta con due indicatori di rendimento: • nell’investimento in Equity, si calcola il Return On Equity: ROE = RN / E • nell’investimento in Debt, si calcola il Return On Debt: ROD = IP / D  i Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  36. Investimento produttivo RN(T) = RO – IPIP(T) = D i T +E(t0) oppure+D(t0) -E(t0) oppure-D(t0) Processi che producono rischio CASSA dell’investitore +K’(t1) -K(t0) Nuovo modello • I modelli precedenti diventano: Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  37. 3.5 Il Capital Investment • Poiché l’investimento economico (reale o produttivo) rifornisce la propria CASSA tramite l’investimento finanziario, • e poiché il finanziario viene remunerato dall’investimento economico, • si possono congiungere i due investimenti • per formare un nuovo investimentofinanziariamente autosufficiente, che denominiamo: capital investmentoinvestimento capitalistico. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  38. L’impresa capitalistica “perfetta”(prima definizione – vedi cap. 4) • Un’organizzazione permanente (cap. 4) nata per sviluppare un capital investment che svolge un business processo o una concatenazione indefinita di businessprogetto, che finanzia con Equity e con Debt il Capitale investito si definisce impresa capitalistica “perfetta”. • L’impresa è mercantile se sviluppa investimenti economico reali. • Altrimenti è di altro tipo (agraria, estrattiva, industriale, ecc.). Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  39. Settore e mercato (prime definizioni) • Si definisce settore l’insieme delle organizzazioni (e in particolare: imprese capitalistiche perfette) che sviluppano un particolare business (vi può essere il riferimento ad una data area geografica). • Si definisce mercato l’insieme degli scambi di un particolare bene tra i produttori ed i consumatori, in un dato periodo e, eventualmente, in un dato luogo o area geografica. • Mercato e settore sono concetti correlati in quanto il settore rappresenta il sistema che sviluppa il processo di produzione che origina gli scambi per i consumi. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  40. Il business finanziario • Il business tecnicamente riguarda l’investimento economico. Lo definiamo business economico (industry). • Vi sono organizzazioni che tuttavia sono specializzate nella raccolta di capitale finanziario che destinano ai business economici. Il loro risultato economico deriva da intereressi da Debt o da utili da Equity. • Tali organizzazioni si definiscono imprese finanziarie e il loro è un business finanziario (finance). Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  41. I capitali e le remunerazioni • L’investimento finanziario forma il capitale investito nell’investimento produttivo: CI = D+E. • L’investimento produttivo è strumentale per remunerare il finanziario: RO = IP+RN. Capitale investitodall’investimento o ancheCapitale necessario per l’investimento Capitale investitonell’investimentoo ancheCapitale reperito dall’investimento Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  42. Esercizi in aula Il modello di capital investment Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  43. Legge generale dell’investimento • Legge Generale dell’investimento: l’investimento produttivo e l’investimento finanziario non possono esistere separatamente ma devono sempre essere attuati in parallelo per formare un capital investment. • Questa legge ammette alcuni corollari. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  44. Quattro Corollari alla legge generale • 1 - L'investitore che effettua un investimento finanziario (finance) può essere remunerato solo se da’ vita ad un investimento produttivo per generare ricchezza (industry). . • 2 – Il risparmiatore con capitale finanziario deveideare o ricercare qualche investimento produttivo nel quale investire il capitale. • 3 - Non può esistere produzione (industry) senza finanza (finance) e viceversa. • 4 - Tutti i capitali investiti nel capital investment sopportano il rischio dello investimento produttivo. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  45. I soggetti dell’investimento • Il soggetto che • avendo una business idea, • conferisce l’Equity • accetta il rischio assoluto • per dare vita e gestire un business • si definisce imprenditore capitalista. • Il soggetto che conferisce capitale a titolo di Debt ed accetta solo un rischio relativo, si denomina solitamente finanziatore dell’investimento. • I processi di trasformazione economica e di controllo del rischio sono gestiti da un terzo soggetto (o gruppo), che sviluppa il management dell’investimento. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  46. Asimmetria informativa • Solitamente ilmanagementconosce il business meglio dell’investitore. • L’investitore assume le decisioni di investimento sulla base di uno stock più limitato di informazioni. • Per il principio di razionalità, quando è possibile, l’investitore cerca di gestire direttamente il suo investimento. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  47. Il management del business • Quando imprenditore e management sono disgiunti, l’investimento dà vita ad una gestione manageriale del business. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  48. Imprenditore Imprenditore Imprenditore Imprenditore Business idea Business idea Business idea Business idea Management Management Management Management Business Business Business Business governance governance governance governance P P P processi produttivi QF pF QP pP processi finanziari € € € KI(t) KI’(t’) RO = RP - CP ROI = RO/KI(t) Parte alta del modello generale Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  49. Il ruolo del capital investment • Il capital investment rappresenta l’attività economica fondamentale in quanto: • è il motore della produzione, • è artefice della produttività e della qualità, quindi dell’abbondanza e del progresso; • consente la remunerazione del lavoro e del capitale, • incentiva al risparmio, • soddisfa l’aspirazione alla ricchezza. Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006

  50. Cinque congetture sui business new • Prima congettura: i business diventano sempre più grandi e la scala degli impianti aumenta (grande è bello). • Seconda congettura: Il marketing assume un ruolo sempre più rilevante (aumentare il mercato). • Terza congettura: si cercano posizioni di monopolio (cartelli, ecc.) per non ridurre i prezzi. • Quarta congettura: la qualità aumenta sempre (per aumentare i volumi di produzione e contrastare la riduzione dei prezzi). • Quinta congettura: il business si localizza dove i prezzi dei fattori sono più convenienti (per ridurre i costi di produzione). G u a r d i a m o c i a t t o r n o!!!! Economia Aziendale – Istituzioni – 2005/2006