Download
il futuro della contraccezione ormonale quale sar il ruolo occupato dall etonogestrel n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Il futuro della contraccezione ormonale: quale sarà il ruolo occupato dall’etonogestrel? PowerPoint Presentation
Download Presentation
Il futuro della contraccezione ormonale: quale sarà il ruolo occupato dall’etonogestrel?

Il futuro della contraccezione ormonale: quale sarà il ruolo occupato dall’etonogestrel?

222 Vues Download Presentation
Télécharger la présentation

Il futuro della contraccezione ormonale: quale sarà il ruolo occupato dall’etonogestrel?

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. A.GI.CO Associazione Ginecologi Consultoriali Il futuro della contraccezione ormonale: quale sarà il ruolo occupato dall’etonogestrel? Dott. Demetrio Costantino Dirigente Medico I livello Azienda USL Ferrara Centro Salute Donna Ferrara 15.06.2012

  2. CONTRACCETTIVO IDEALE • Efficacia • Reversibilità • Sicurezza sulla salute • Tollerabilità

  3. ETONOGESTREL “NEXPLANON” Contraccettivo ormonale, a lunga durata d’azione, efficace per 3 anni Impianto contenente solo progestinico: etonogestrel (precaricato in un applicatore monouso) Nexplanon è radiopaco e bioequivalente a Implanon Trials clinici con Implanon in 17 Paesi Trials clinici con Nexplanon in 6 Paesi (bioequivalenza e inserimento) Tratto da Riassunto Caratteristiche del prodotto Nexplanon. Nov. 2010

  4. ETONOGESTRELMeccanismo d’azione Inibizione dell’ovulazione Nei trials clinici non sono state osservate ovulazioni nei primi due anni d’uso e solo raramente nel terzo anno1 Aumento della viscosità del muco cervicale1 1-Tratto da Riassunto delle Caratteristiche del prodotto Nexplanon. Nov. 2010

  5. ETONOGESTREL : Farmacocinetica Distribuzione - 63% legato all’albumina - 35% legato all’SHBG Eliminazione - emivita 25 ore - clearance 7.5 L/h - biodisponibilità 94-99% - urine 60%, feci 40% Assenza di accumulo di ENG Huber J. Contraception 1998;58:85S-90S

  6. Rapida reversibilità Mean etonogestrel concentration (pg/ml) Time after removal (hours) • Livelli di etonogestrel non rilevabili entro 1 settimana dalla rimozione • Ritorno della fertilità solitamente entro 3 settimane • Gravidanze verificatesi anche durante la prima settimana dopo la rimozione n=20 Dossier di registrazione

  7. Dose giornaliera di ENG necessaria per inibire l’ovulazione 90 pg/ml Dopo 8 ore dall’impianto sono dosabili concentrazioni pari a 265,9±80,9 pg/ml Massima concentrazione dopo 4 giorni, con variabilità individuale da 1 a 13 giorni Ad un anno: 196 pg/ml A 3 anni: 156 pg/ml Croxatto HB. Contraception 2002;65:21-27; Implanon package insert. 2006 Organon USA Inc: Roseland, NJ; Makarainen L et al, Fertil Steril 1998;69:714-21; Diaz S et al, Contraception 1991;44:393-408; Implanon Approval Letter,2006

  8. Efficacia Ha un’efficacia superiore al 99%1 Nessun metodo contraccettivo è efficace al 100%1 La maggioranza delle gravidanze indesiderate riportate nella pratica clinica sono correlabili a problemi di inserimento (timing non corretto, non-inserimento, ecc.)1 I farmaci che riducono l’efficacia dei contraccettivi orali riducono anche l’efficacia di Etonogestrel. 1-Graesslin et al, European Journal of Contraception and Reproductive Health Care, 2008; 13(S1):4–122-Blumenthal et al, European Journal of Contraception and Reproductive Health Care, 2008 ;13(S1):29–36 12

  9. Nexplanon nelle donne obese In 130 donne di peso > a 70 kg, dopo due o tre anni di trattamento, non è stata riscontrata alcuna gravidanza.Però l’effetto contraccettivo è correlato ai livelli plasmatici di etonogestrel, che sono a loro volta inversamente correlati al peso corporeo e tendono a diminuire nel tempo dopo l’inserimento.Nelle donne in soprappeso, deve essere presa in considerazione una sostituzione più precoce dell’impianto.

  10. Benefici, rischi e possibili effetti collaterali: Elevata efficacia per 3 anni Nessun metodo contraccettivo è efficace al 100% Rapido ritorno alla fertilità Se correttamente inserito, può essere facilmente rimosso in qualunque momento La dismenorrea probabilmente migliorerà Non deve essere usato per più di 3 anni Nessuna protezione contro MST o HIV Effetti collaterali (soprattuttol cambiamento del profilo mestruale)

  11. Profilo mestruale Durante l’uso di Nexplanon spesso il profilo mestruale subisce variazioni rispetto al consueto Tali variazioni possono riguardare la frequenza del sanguinamento (assente, meno frequente, più frequente o prolungato), l’intensità (ridotto o aumentato) o la durata. Amenorrea è stata riportata in 1 donna su 5 e sempre 1 donna su 5 ha avuto sanguinamento frequente e/o prolungato. La valutazione del sanguinamento vaginale deve essere fatta ad hoc per escludere una patologia ginecologica o una gravidanza. Mansour et al, European Journal of Contraception and Reproductive Health Care, 2008; 13(S1):13–28

  12. Anche se è probabile che il profilo mestruale cambi per molte donne, l’andamento osservato nei primi 3 mesi è altamente predittivo dell’andamento futuro del bleeding Il profilo mestruale tende a mantenersi Un aumento dei giorni di sanguinamento si verifica solo in una minoranza di soggetti Almeno il 50% delle donne con profilo sfavorevole sperimenta un miglioramento Informazione, counseling e uso di un diario mestruale possono migliorare l’accettabilità del profilo mestruale da parte della donna Nei trials clinici le variazioni del profilo mestruale sono la più comune causa di abbandono del trattamento (11%) Mansour et al, European Journal of Contraception and Reproductive Health Care 2008; 13(S1):13–28

  13. Ritorno dell’ovulazione In 41 donne è stato monitorato il ritorno di cicli ovulatori dopo la rimozione dell’impianto1 L’ovulazione è stata determinata mediante controllo ecografico e misurazioni seriate dei livelli plasmatici di progesterone (P > 16nmol/L )2 >90% soggetti ha ovulato entro 3 mesi dalla rimozione, nella maggior parte dei casi entro 3 settimane2 Rapido ritorno del ciclo mestruale dopo la rimozione dell’impianto1 Negli studi clinici e nella pratica clinica, numerosi casi di concepimento si sono verificati entro 1 settimana dalla rimozione dell’impianto2 1-Tratto da Riassunto Caratteristiche del prodotto Nexplanon. Nov. 2010 2-Graesslin et al, European Journal of Contraception and Reproductive Health Care, 2008 13(S1):4–12

  14. Densità Minerale Ossea I livelli plasmatici di estradiolo rimangono sopra il limite adeguato al mantenimento di una normale massa ossea 1 In uno studio di confronto con Implanon (n=44) vs. IUD non ormonale (n=29), la densità ossea è rimasta inalterata per oltre 2 anni, senza differenze rilevabili tra I due gruppi 2 In un altro studio di confronto con Implanon (n=56) vs. impianto al levonorgestrel (n=55), in entrambi I gruppi si è riscontrato un decremento di BMD a livello ulnare, ma nessuna variazione a livello radiale 3 Questa riduzione risulta entro il limite di 1 SD e non ha un significato clinico degno di rilievo 3 1. Tratto da Riassunto Caratteristiche del prodotto Nexplanon. Nov. 2010 2. Beerthuizen R, et al. Human Reproduction, 2000; 15:1, 118-122 3. Bahamondes L, et al. Human Reproduction, 2006; 21:2 pp. 466–470.

  15. Effetti sulla dismenorrea n=187 Funk S, et al. Contraception 2005;71:319–326

  16. Uso durante l’allattamento Piccole quantità di etonogestrel vengono escrete nel latte materno (~ 0.2% della dose materna assoluta stimata)1 Studio comparativo : Cu-IUD (n=38) vs. Implanon (n=42), bambini seguiti fino a 36 mesi: Nessun effetto rilevato su qualità o quantità del latte2 Nessuna differenza nella crescita e sviluppo del lattante tra Implanon e IUD3 1. Tratto da Riassunto Caratteristiche del prodotto Nexplanon. Nov. 2010 2. Reinprayoon D. Contraception, 2000; 62, 239–246 3. Taneepanichskul S. Contraception 2006; 73 , 368– 371

  17. Se si instaura una gravidanza durante l’uso di Nexplanon, l’impianto deve essere rimosso2 Dati di farmacovigilanza non indicano un aumentodi rischio di effetti dannosi sul feto Numerosi studi pubblicati sull’esposizione ad ormoni contraccettivi non hanno dimostrato effetti dannosi3 Il proseguimento della gravidanza dopo esposizione a Implanon non richiede alcun particolare intervento supplementare4 Nel corso degli studi clinici non sono state osservate gravidanze durante i 35.057 cicli di esposizione; il Pearl Index osservato è stato pari a 0,00 (95% limiti di confidenza: 0,00-0,14). GRAVIDANZA NEXPLANON • Dossier di registrazione • Tratto da Riassunto Caratteristiche del prodotto Nexplanon. Nov. 2010 • Hardy et al, Pharmacoepidemiology and drug safety 2006; 15: 555–564 • Cochrane Review Progestogen for preventing miscarriage The Cochrane Library 2007

  18. Parametri metabolici Sistemi metabolici Effetti Emostasi* Effetti bilanciati su coagulazione e fibrinolisi Lipidi** Non clinicamente significativi Carboidrati** Media resistenza all’insulina Enzimi epatici* Non clinicamente significativi (*Egberg et al. Contraception 1998;58:93-8)(**Data on file, N.V. Organon)

  19. Interazioni farmacologicheNella pratica clinica il 5% delle gravidanze segnalate sono dovute a interazioni farmacologiche Interazioni possono verificarsi con prodotti medicinali che inducono gli enzimi microsomiali, specificamente gli enzimi del citocromo P450, risultandone un aumento della clearance degli ormoni sessuali, quali: fenitoina fenobarbitale primidone carbamazepina rifampicina oxicarbazepina Topiramato Felbamato Griseofulvina Erba di San Giovanni Anche gli inibitori delle HIV proteasi (ritonavir, nelfinavir) e gli inibitori non nucleosidici della transcriptasi inversa (nevirapina), o una combinazione di questi farmaci, possono influenzare il metabolismo epatico Tratto da Riassunto Caratteristiche del prodotto Nexplanon. Nov. 2010

  20. Controindicazioni Disordini tromboembolici venosi in atto Tumori maligni sensibili agli steroidi sessuali (noti o sospetti) Anamnesi di epatopatia grave finchè I tests di funzionalità epatica non siano rientrati nella norma Sanguinamento vaginale non diagnosticato Ipersensibilità al principio attivo o a uno qualunque degli eccipienti di Nexplanon Tratto da Riassunto Caratteristiche del prodotto Nexplanon. Nov. 2010

  21. IN SINTESI: Contraccettivo ormonale sottocutaneo a lunga durata d’azione Radiopaco Efficacia > 99% Durata d’azione 3 anni Rapido inizio dell’azione contraccettiva Rapida reversibilità Consolidato uso clinico dell’impianto con etonogestrel.

  22. A tutte le donne che lo richiedono!!! Sicuramente a donne con: Ipertensione Diabete complicato Anemia Controindicazioni all’uso di EP Donne che allattano A CHI?

  23. ETONOGESTREL NEXPLANON 4 cm 2 mm Rilascio ormonale: 60–70 µg/die inizialmente, riduzione a 25–30 µg/die alla fine del 3° anno Core: etilen vinil acetato (EVA)etonogestrel (68 mg) Membrana a rilascio controllato (0.06 mm): EVA Approvato dal FDA nel 2006

  24. QUANDO INSERIRE NEXPLANON Nexplanon è efficace subito dopo l’inserimento, se viene inserito nel periodo raccomandato Se viene inserito in un altro momento: escludere la gravidanza* e usare un metodo di barriera per almeno 7 giorni * La possibilità di ovulazione e concepimento prima dell’inserimento deve sempre essere considerata e deve essere esclusa una gravidanza

  25. Timing di inserimento raccomandato Tratto da Riassunto Caratteristiche del prodotto Nexplanon. Nov. 2010

  26. APPLICATORE Applicatore monouso, precaricato, sterile Disegnato per facilitare il corretto inserimento sottocutaneo dell’impianto Deve essere usato solo da medici che hanno familiarità con la procedura d’inserimento Anche chi ha già inserito il vecchio Implanondovrà fare pratica col nuovo Nexplanon

  27. Elementi dell’applicatore: Meccanismo di blocco del cappuccio con leva Impianto contenuto nell’ago prima dell’inserimento Movimento di scorrimento con una sola mano Ago parzialmente visibile

  28. Dove inserire l’impianto Nel braccio NON dominante 8-10 cm al di sopra del gomito Verifica del corretto inserimento dopo l’applicazione tramite palpazione del braccio Hohmann H and Creinin M Clinical Obstetrics and Gynecology 2007;50:907-17.

  29. Localizzazione La localizzazione è un elemento essenziale della procedura di inserimento e rimozione L’impianto va sempre localizzato: subito dopo l’inserimento subito prima della rimozione La localizzazione inizia con la palpazione Se l’impianto non è palpabile dopo l’inserimento, la sua presenza nel braccio va confermata con tecniche di imaging (ecografia, radiografia) il prima possibile La donna deve utilizzare un metodo contraccettivo di backup fino a presenza confermata dell’impianto Tratto da Riassunto Caratteristiche del prodotto Nexplanon. Nov. 2010

  30. Una chirurgia esplorativa in assenza di un’esatta conoscenza della localizzazione dell’impianto è del tutto sconsigliabile La rimozione di impianti inseriti in profondità deve essere fatta con cautela al fine di prevenire un danno alle strutture nervose e vascolari più profonde del braccio e deve essere eseguita da operatori che abbiano familiarità con l’anatomia del braccio

  31. Impianto radiopaco Localizzazione radiografica

  32. Localizzazione ecografica Deve essere eseguita da un operatore con apparecchiatura appropriata: Sonda lineare 7-15 (meglio 12-15) MHz Con tecnica e sonda corrette la maggior parte degli impianti possono essere localizzati Eseguire la rimozione subito dopo o durante la localizzazione ecografica aumenta l’accuratezza della procedura Caratteristiche ecografiche Ombra acustica lineare sotto l’impianto in posizione trasversa L’impianto è un piccolo punto iperecogeno (2 mm) se visto in posizione trasversa

  33. Nexplanon inserito correttamente implant acoustic shadow IMMAGINE TRASVERSALE

  34. Impianto localizzato sotto la fascia muscolare implant acoustic shadow

  35. Impianto inserito profondamente nel muscolo bicipite implant acoustic shadow

  36. Localizzazione alla RMN L’impianto radiopaco appare come un’area ipodensa. Importante è la differenziazione da un vaso sanguigno. L’immagine può essere vista per 40 mm.

  37. Localizzazione profonda nel muscolo bicipite

  38. Test ENG Livelli sierici di etonogestrel… Possono indicare la presenza, ma non confermare la localizzazione Da determinare quando non si è in grado di localizzare l’impianto mediante palpazione e tecniche di imaging La donna non deve usare altri ormoni contraccettivi (cross reattività) Eseguibile solo dai laboratori dell’azienda produttrice I campioni ematici vanno inviati all’azienda produttrice Contattare il produttore per ulteriore assistenza

  39. Nexplanon: Sostituzione La sostituzione di Nexplanon deve essere eseguita solo in condizioni di asepsi e solo da un operatore esperto nella procedura di inserimento e rimozione La sostituzione può essere fatta subito dopo la rimozione dell’impianto precedente La procedura di sostituzione è simile alla procedura di inserimento Il nuovo impianto può essere inserito nello stesso braccio e attraverso la stessa incisione dalla quale è stato rimosso il vecchio impianto Se l’impianto viene sostituito immediatamente, non è necessario nessun altro metodo contraccettivo di backup

  40. Se viene usata la stessa incisione, si devono tenere in considerazione anche le seguenti istruzioni: La piccola incisione fatta per la rimozione può essere usata come apertura d’ingresso dell’ago del nuovo applicatore Anestetizzare il sito d’inserzione lungo il “canale d’inserimento” con 2 ml di lidocaina (1%) applicata subito sotto la cute partendo dall’incisione e scorrendo lungo il canale E’ fondamentale inserire l’ago in tutta la sua lunghezza; altrimenti l’impianto sarà parzialmente visibile dall’incisione di rimozione sulla cute Se l’impianto protrude parzialmente, rimuoverlo e reinserirne uno nuovo sterile

  41. Dopo il reinserimento del nuovo impianto, chiudere l’incisione con steri-strip e applicare un bendaggio adesivo Applicare una garza sterile con un bendaggio compressivo per limitare il trauma locale. La paziente potrà rimuovere il bendaggio compressivo 24 ore dopo e quello adesivo 3-5 giorni dopo

  42. GRAZIE PER L’ATTENZIONE