Download
slide1 n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
LA BIODIVERSITA’: UNA RISORSA ESSENZIALE DELLA NATURA PowerPoint Presentation
Download Presentation
LA BIODIVERSITA’: UNA RISORSA ESSENZIALE DELLA NATURA

LA BIODIVERSITA’: UNA RISORSA ESSENZIALE DELLA NATURA

546 Vues Download Presentation
Télécharger la présentation

LA BIODIVERSITA’: UNA RISORSA ESSENZIALE DELLA NATURA

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. LA BIODIVERSITA’: UNA RISORSA ESSENZIALE DELLA NATURA CONOSCENZA E VALORIZZAZIONE ATTRAVERSO LA SCUOLA BIODIVERSITA’ E BIOTECNOLOGIE Alessandro Lombardo Parco Scientifico e Tecnologico della Sicilia

  2. DEFINIZIONI: BIODIVERSITA’ Con il termine biodiversità si indica la varietà di tutti gli organismi viventi: piante, animali e microrganismi, l’informazione genetica che contengono e gli ecosistemi che formano e di cui fanno parte. La biodiversità è in genere esplorata a tre livelli: la diversità degli ecosistemi, la diversità delle specie e la diversità genetica. Questi tre livelli creano nel loro insieme la complessità della vita sulla Terra.

  3. Origine della biodiversità On the Origin of Species by Means of Natural Selection, or the preservation of Favoured Races in the Struggle for Life La vita sulla Terra è espressione di miliardi di anni di storia evolutiva. L’adattamento, la selezione naturale, la coevoluzione hanno guidato i fenomeni di speciazione e di estinzione e, conseguentemente, l’espansione della biodiversità sul pianeta.

  4. L’importanza della diversità genetica? In ogni organismo che si riproduce sessualmente contiene una miscela di diversi GENI. Questa varietà permette alle popolazioni di adattarsi all’ambiente (cambiamenti climatici, condizioni ambientali locali) Quando una popolazione di una specie si riduce a pochi individui, essa ha perso per sempre gran parte delle caratteristiche che hanno consentito la comparsa e l’evoluzione di tale specie. Quando una specie perde troppi individui, diventa geneticamente uniforme e pertanto meno adattabile ai cambiamenti

  5. La diversità genetica è una risorsa insostituibile L’agricoltura mondiale non può fare a meno della diversità genetica delle specie “selvatiche”. Senza un costante apporto di geni “selvatici” le specie coltivate sarebbero rapidamente distrutte da parassiti e malattie Parassiti e patogeni sviluppano infatti molto rapidamente un adattamento (ossia una resistenza) aipesticidi ed agli antiparassitari

  6. RUOLO DELL’EVOLUZIONE CULTURALE NELL’EVOLUZIONE DELLE FORME VIVENTI

  7. Uomo e biodiversità Molte aree “naturali” portano i segni di millenni di abitazione umana e di sfruttamento delle risorse (coltivazione di varietà locali di piante) DAL TEOSINTE AL MAIS

  8. Uomo e biodiversità Molte aree “naturali” portano i segni di millenni di abitazione umana e di sfruttamento delle risorse (addomesticamento e allevamento di varietà di animali) DAL Canis lupus lupus AL Canis lupus familiaris

  9. BIOTECNOLOGIA • Con il termine generico di biotecnologia (tecnologia biologica) si indicano tutte le applicazioni tecnologiche della biologia. • Tra le definizioni disponibili, la più completa è senza dubbio quella stesa dalla Convenzione sulla Diversità Biologica UN, ossia: • "La biotecnologia è l'applicazione tecnologica che si serve dei sistemi biologici, degli organismi viventi o di derivati di questi per produrre o modificare prodotti o processi per un fine specifico". L’utilizzo di organismi viventi, di loro componenti o prodotti, sistemi o processi finalizzato alla produzione dibeni o servizi

  10. BREVE STORIA DELLE BIOTECNOLOGIE • 6000 a.C. Sumeri e Babilonesi – birra • 4000 a.C. Egizi - pane lievitato • 1675.- Leeuwenhoek scopre i protozoi ed i batteri. • 1855.- Pasteur comincia a lavorare sul lievito, dimostrando per la prima volta che si tratta di organismi viventi. • 1863.- Mendel, nel suo studio sui piselli, scopre che le caratteristiche sono state trasmesse dai genitori alla progenie da unità indipendenti, denominate successivamente geni. Le sue osservazioni pongono le fondamenta nel campo della genetica. • 1928.- Fleming scopre la penicillina, il primo antibiotico. • 1953.- Watson e Crick rivelano la struttura tridimensionale del DNA. • 1961.- Per la prima volta viene compreso il codice genetico. • 1973.- Cohen e Boyer effettuano il primo esperimento ricombinante del DNA, usando geni di batteri.

  11. BIOTECNOLOGIE TRADIZIONALI INNOVATIVE Tecnologie produttive utilizzate da millenni, quali l'agricoltura, la zootecnica e lo sfruttamento delle attività fermentative dei microrganismi. Ingegneria genetica: le tecniche che permettono di identificare, isolare e trasferire artificialmente un gene dal patrimonio genetico di un organismo a quello di un altro essere. OGM : organismo geneticamente modificato animale, pianta o microrganismo, in cui al DNA ereditario viene aggiunto DNA che proviene da una fonte diversa dal germoplasma parentale  Le forme viventi in cui sono presenti segmenti di DNA “estraneo” sono dette transgeniche (Smith, 1998)

  12. Tecniche di fondamentale importanza nello studio della biodiversità e nello sviluppo delle Biotecnologie Innovative: la PCR 1983- Kary B. Mullis inventa la tecnica della PCR 1985- Prima pubblicazione 1993- Premio Nobel per la chimica

  13. Le applicazioni delle biotecnologie sono molteplici e recentemente sono state suddivise in quattro categorie. Red biotechnology (biotecnologie rosse): vengono riferite ai settori della medicina, della veterinaria e dell’industria farmaceutica; • terapeutici 1982.- Humulin, l'insulina umana prodotta dalla Genentech, utilizzando batteri geneticamente modificati, è il primo farmaco biotech che viene approvato dalla FDA per il trattamento del diabete

  14. White biotechnology (biotecnologie bianche): si riferiscono ai processi di interesse industriale, conosciute più comunemente come biotecnologie industriali. BIOREMEDIATION

  15. Green biotechnology (biotecnologie verdi o agro-alimentari): vengono riferite al settore alimentare, chimico, produttivo, pharming molecolare Il 18 Maggio 1994 è stata sancita la sicurezza del pomodoro FLAVR SAVR, considerato come uguale a quelli coltivati convenzionalmente e perciò non è richiesta alcuna etichetta. L' RNA antisenso, una volta prodotto all'interno della pianta, si ibrida con il messaggero della PG naturale : viene bloccata così la traduzione e prodotta quindi meno PG.

  16. La storia del Golden Rice • La carenza di Vitamina A (VAD) • Causa cecità • Riduzione delle difese immunitarie • Aumenta la mortalità da morbillo e dissenteria • Maggior trasmissibilità di HIV da madre a figlio • 120 milioni di bambini soffrono di carenza di Vitamina A • In molti Paesi non esistono infrastrutture adeguate alla distribuzione di pillole di Vitamine • Un’alternativa è aumentare il contenuto di vitamina A nei prodotti alimentari (riso)

  17. Geranilgeranil difosfato Fitoene sintasi Fitoene Problema: Nel Riso mancano questi enzimi Fitoene desaturasi ξ-carotene desaturasi Licopene Licopene-beta-ciclase Riso senza vitamina A  -carotene (precursore della vitamina A) Via biosintetica del -Carotene in Pianta

  18. Geranilgeranil difosfato Fitoene sintasi Gene Narciso Fitoene Pathway Vitamina A completa e funzionale Fitoene desaturasi Gene batterico con entrambe le funzioni ξ-carotene desaturase Licopene Licopene-beta-ciclasi Gene Narciso  -carotene (precursore vitamina A) Golden Rice La soluzione del Golden Rice Aggiunta dei geni della via biosintetica del -Carotene

  19. Blue biotechnology (biotecnologie blu): di recente classificazione si applicano all’ambito marino e acquatico. Esempi: uso di alghe e/o prodotti derivati per produrre nuovi farmaci; uso di geni di organismi acquatici per ingegnerizzare piante e renderle resistenti a particolari condizioni ambientali.

  20. LE NUOVE SFIDE BIOTECH: BIOLOGIA SINTETICA

  21. Nuovi strumenti per lo studio della biodiversita’: Le tecniche di sequenziamento massivo parallelo Progetto genoma umano Costo: 3 miliardi di dollari Durata: 10 anni